Da: sherwood.it del 20/06/2011

Un delicato “ritratto in movimento” del carcere minorile dalla prospettiva di un maestro appassionato

di Francesco Lubian