Recensione a Il fosso di Edoardo Piazza

Transeuropa Edizioni Recensione Recensione a Il fosso di Edoardo Piazza
0 Comments

di Silvana LAZZARINO

Il salto diventa necessario per accogliere un cambiamento: “Il fosso” (Transeuropa edizioni 2023) di Edoardo Piazza racconta di trasformazione e riscoperta guardando entro nuove prospettive ai sentieri tra luci e ombre di questa esistenza

La poesia accompagna all’ascolto profondo e autentico delle emozioni spesso a partire dal proprio vissuto, ma essa diventa anche l’occasione per attraversare con versi e parole solo apparentemente distanti per senso e significato, un percorso di rinnovata consapevolezza con cui rileggere in piena libertà il presente.

È quanto testimonia con linguaggio innovativo e dalle diverse sfumature interpretative, il poeta e scrittore Edoardo Piazza nella sua raccolta poetica dal titolo evocativo “Il fosso” edita da Transeuropa (2023) che fa pensare alle prove, alle sfide da affrontare nella vita prima di giungere a un cambiamento spesso necessario per evolversi.

In queste liriche polisemantiche, che si distanziano dal voler far immediato riferimento a una fedele rappresentazione di un contesto accaduto, visto, o sognato, emerge l’originalità con cui entro un cambio di paradigma ci si accosta al presente restituito con le sue luci e le sue ombre, con riferimenti al passato tra storia e mito per essere pronti a un futuro da ipotizzare e sfidare. In questo osservare l’esistenza attuale emergono tematiche con cui da sempre l’uomo è chiamato a confrontarsi: dal bisogno di riconoscimento alla paura della morte, dalla difficoltà a mantenere una comunicazione autentica a quel senso di infinito che porta l’individuo a guardare al di là dell’orizzonte e restare in ascolto del mistero della natura.

A partire dal titolo dell’opera dove incalza l’immagine del fosso volta a portare l’attenzione verso la necessità di superare l’ostacolo, di guardare oltre il rischio, si delinea la possibilità o il bisogno di un cambiamento verso l’evoluzione e il riscatto.

Sono proprio l’ostacolo e il cambiamento unitamente al senso di libertà a risuonare in questi versi per osservare oltre il proprio corpo, stando nell’ascolto e andando al di là del prevedibile così da ritrovare la possibilità di uscire da certi stereotipi e schemi limitanti legati ad abitudini e condizionamenti. Al cambiamento ad esempio quale possibilità per riemergere dalla consuetudine spesso noiosa e soffocante, viene fatto riferimento nella lirica Sirene come espresso nei versi:

Solo l’orizzonte può guarirci/ riempiendo i serbatoi di stupore/.  Solo il cambiamento può salvarci”.

Pur con diversi riferimenti legati alla storia, al mito, all’arte, alla società, all’ambiente inteso anche come natura e al rumore del progresso pressante che trascina con sé la noia e l’ansia, le liriche lasciano spazio a spiragli dove respirare l’energia del sogno e quella speranza che apre a un inatteso scenario in cui fatti, pensieri e riflessioni sono espressi tramite un metalinguaggio in linea con quanto accade nelle dinamiche metafisiche.

A proposito di metafisica si può trovare un aggancio con quanto emerge dalla corrente artistica della Metafisica, in cui le rappresentazioni riferite alla realtà sono presentate secondo prospettive differenti e quindi volte a restituire una visione misteriosa ed enigmatica. Similmente leggendo queste poesie il lettore potrebbe avvertite stupore e sorpresa, per certe descrizioni dalle atmosfere enigmatiche e sospese, ma anche leggere, che diventano parte dell’esistenza proprio per il cambio di prospettiva con cui sono restituite allo stesso lettore. Per riportare due esempi citiamo la lirica Matrimoni in cui l’autore sul finale riferendosi a Saturno guarda ai suoi anelli impossibili da raggiungere: “Gli anelli di Saturno/ non entrano nelle dita“  e anche la lirica Sorella Ansia dove affiora leggerezza quando scrive:

“… una scimmia ingessata, vestita in gessato/ Un agente di P.S. che si arresta da solo/ mette le manette ai polsi e si incunea nelle patrie galere”

L’opera poetica di Edoardo Piazza descrivendo pensieri e riflessioni sull’esistenza odierna, quasi in connessione con le atmosfere che furono della Beat Generation, mette in campo il motivo della libertà ora da conquistare e promuovere, ora da proteggere e ritrovare quale formula per non perdere di vista se stessi e le diverse possibilità di cambiare armonizzando le proprie peculiarità. Libertà anche nella scelta di parole il cui senso spetta all’interpretazione del lettore a seconda del suo sentire. Sono messe in gioco parole il cui significato appare in parte un po’ falsato, in linea con l’imprevedibilità dell’esistenza espressa anche nel Siddharta.

“Il fosso non è solo un andare contro corrente sul piano dei sintagmi e del significato delle parole: il libro di poesie di Edoardo Piazza grazie anche ad uno stile quasi anticonformista invita pure con velata arguzia ad assumere uno sguardo innovativo sulla realtà e i fatti che accadono, da prendere talora con leggerezza che non vuol dire però superficialità, ma serenità e spensieratezza.

Uno sguardo che scardina le regole del prevedibile e introduce nello stravolgimento di una “travolgente” avventura: questo tempo del viaggio forse potrebbe essere visto proprio come un’esperienza dove perdersi e ritrovarsi, creare distanze e ricongiungimenti, portando quella speranza quale luce nella notte per non dimenticare chi si è veramente.

Edoardo Piazza si occupa di editing e correzione bozze, oltre ad essere organizzatore di “raduni poetici” e dibattiti sulla poesia contemporanea. Ha pubblicato la raccolta “Container!” con Edizioni Ensemble e il romanzo “Il Capodanno di Umberto Rose”, uscito nel 2020 per Apollo Edizioni. È in uscita nel 2024 il suo nuovo romanzo “I cattivi poeti” per l’editore Les Flâneurs.

Silvana LAZZARINO  Roma, 6 luglio 2024

Categories:

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Recensione a Materia prima di Sergio Oricci
Materia prima / Le installazioni di Sergio Oricci È uscito per Transeuropa Edizioni, storica casa
Recensione a Vite attese di Silvia Rivolta
Vive, l’autrice. Vive e attende. Nel libro “Vite attese” lo fa circolando con attenzione nella
Recensione a Céline en voyage di Stefano Lanuzza
Céline en voyage di Stefano Lanuzza è un saggio penetrante che esplora l’universo complesso e
Intervista di Repubblica a Silvia Rivolta per Vite attese
“Vite attese”, il romanzo di Silvia Rivolta che indaga il legame tra genitori e figli
Recensione a Il quindicesimo compleanno di Rosaura Galbiati
“Il libro di Rosaura Galbiati, Il quindicesimo compleanno, Transeuropa, Massa 2023, non è facile da
Recensione a “Il sentimento non dicibile dell’oggi” di Francesco Scapecchi
Tu, se sai dire, dillo, dillo a qualcuno Alcuni anni fa Gianluigi Simonetti, parlando dell’uscita
Recensione a L’Apocalisse della Sfinge di Francesco Tigani
Francesco Tigani è ricercatore attento e scrupoloso, oltre ad aver dato prova di essere un
Recensione a Visioni di Riccardo Bizzarri
Osservatorio Poetico di Sonia Caporossi | Riccardo Bizzarri Ciclo sulla madre dopo “L’uomo e i
Recensione a “Quando abbiamo smesso di pensare” di Davide Miccione
LA FINE DELLE IDEOLOGIE (DEGLI ALTRI) Marta Mancini 18-04-2024 La nostra epoca non è certo
Recensione a Il sommo revival di Gabriele Galligani
Edito da Transeuropa, «Il sommo revival. La società dello spettacolo nei romanzi di Pier Vittorio
Recensione a Il fosso di Edoardo Piazza
«Le parole non colgono il significato segreto, tutto appare un po’ diverso quando lo si
Recensione a Sinfonia di un bosco in rivolta di Paola Massoni
La scrittrice, compositrice e musicista Paola Massoni presenta Sinfonia di un bosco in rivolta, una
Recensione a Minime di Gabriele Berardi (con intervista)
Sofferenza, inquietudine, malinconia, rimpianto e speranza sono le sensazioni e gli stati d’animo che caratterizzano
Recensione a Sinfonia di un bosco in rivolta di Paola Massoni
Che poi qualcuno potrebbe dire che il titolo, Sinfonia di un bosco in rivolta, è
Recensione a Una vita maledetta di Gabriella Guidi
Gabriella Guidi esordisce in libreria con un romanzo forte e passionale, una storia vera che
Recensione a Nuvole Coraggiose di Raffaele Solitario
‘Nuvole coraggiose’ percorrono il cielo tra Ancona, l’Inghilterra, l’India e la Thailandia. Non portano pioggia,
Recensione alla cover di “Murati vivi” di Roberto Addeo
Sul Sole24 di domenica 15 gennaio 2024 recensione top alla cover di Murati Vivi, romanzo
Recensione a “Mi farò punteggiatura” di Nadia Dalle Vedove
Si intitola “Mi farò punteggiatura” (Transeuropa Editore, pag. 54, euro 15) l’ultimo libro di Nadia
Recensione a Un giorno adesso di Oronzo Liuzzi
Il verso lungo quasi narrante intercede per lo sviluppo di un flusso evidenziato nel sostegno
Recensione a L’animale umano di Tommaso Barbanera
Il primo romanzo di Tommaso Barbanera si segnala per una sincerità disarmante – una specie
Recensione a La ricostruzione di Parigi di Paolo Gera
La ricostruzione di Parigi (ai tempi della presente guerra)” è un libro singolare che interseca
Recensione a Un giorno adesso di Oronzo Liuzzi
Corposo poemetto in sessanta paragrafi, o minitesti, delicatamente proposto nella immersione della parola che qui
Recensione a Il passaporto della cicogna bianca
«Ciò che colpisce, leggendo, è l’uso raffinato e scanzonato ad un tempo della lingua italiana
Recensione a Wilhelm Reich libertario
Damiano Mazzotti ricostruisce i passaggi principale del volume che Andrea Pitto dedica al pensatore e
Recensione a Diario degli amori difficili
Un'attenta analisi del libro a quadri di Giacomo Sillari, la cui struttura ricorda al recensore
Recensione a Pasti caldi giù all’ospizio
Il curatore dell'antologia, Roberto Addeo, racconta la nascita e le regioni del progetto in una
Recensione a Sala d’attesa di Sergio D’Amaro
L'autore si sofferma, nella sua analisi critica e interpretativa, sulla sezione Sala d’attesa che rappresenta l’autentica novità
Recensione ad “Amori & disincanti” di Valerio Vigliaturo
Valerio Vigliaturo, Amori & Disincanti, transeuropa, 2020 Valerio Vigliaturo, narratore e cantante jazz, esordisce in poesia
Recensione a Emergenze da fine del mondo
tavola di Lucio Filippucci da Emergenze da fine del mondo – Transeuropa Emergenze da fine
Recensione a Incisioni all’acquaforte di Gregorio Febbo
Personalità a largo spettro artistico, Gregorio Febbo affronta, in questa sua silloge poetica, gli eterni
Recensione a “Limpida a guardare” di Michela Silla
Per ogni sole inertemi fingo linda e assorta;senza fatiche sul petto,né sparatorie di luce. Limpida
Le copertine della collana Transeuropa Lab finiscono in galleria d’arte
Le copertine essenziali, ispirate alla sobrietà di J. D. Salinger, della collana Transeuropa Lab sono
Recensione a “Mercati & mercati” di Antonio Semproni
Ci sono mercati di frutta, verdura e formaggi e mercati di blue chips, bond e bitcoin mercati
La seduzione del falso. Intervista a Emiliano Ventura
di Claudio O. Menafra Senti, Filocle, mi sai dire qual è mai la molla che scatena
Recensione a “La calligrafia come arte della guerra” di Andrea Tarabbia
Quando la luce fa paura. “La calligrafia come arte della guerra” di Andrea Tarabbia di Francesca
Recensione a “Lucida tela” di Valerio Cuccaroni
a cura di Lorenzo Favaper Lucida tela (Transeuropa, 2022)fotografia di Dino Ignani Se dovessi scegliere un verso che facesse
Recensione a “Senza titoli. Sovversi” di Mirko Boncaldo
con le punta di dita, rorida come brina sulle sgretolate screpolature vieni e sobilli atavici
Recensione a “Tempo 4/4” di Piero Toto
Nota di Luca Cenacchi «cosa sono io per te?» – Esistenzialismo interazionale e discoteca in tempo
Recensione “Murati vivi” di Roberto Addeo
Nel romanzo “Murati vivi” di Roberto Addeo, il lockdown del 2020 è un fatto marginale,