Recensione a Il quindicesimo compleanno di Rosaura Galbiati

Transeuropa Edizioni Recensione Recensione a Il quindicesimo compleanno di Rosaura Galbiati
0 Comments

“Il libro di Rosaura Galbiati, Il quindicesimo compleanno, Transeuropa, Massa 2023, non è facile da collocare. Quella che io chiamo “scrittura di esperienza” procede dall’ordine al caos, dalla coscienza all’inconscio, dal dicibile all’ impresentabile, dal racconto al frammento; l’autobiografia, a sua volta, presuppone che sia l’io di chi scrive a esporsi direttamente, a dare forma e significato ai suoi ricordi. La struttura del libro di Rosaura, pur con qualche somiglianza con entrambe, procede con modalità del tutto diverse. Il riferimento autobiografico è innegabile, sia per quanto riguarda l’esperienza che viene raccontata, sia per la vicinanza tra la personalità della protagonista, Laura, e quella dell’autrice, così come emerge dalla scrittura stessa. Ciò che Laura dice di sé – immaginazione esondante e bisogno del pensiero di controllare e interpretare – è anche quello che sta alla base dell’andamento del tutto particolare del libro: un linguaggio lirico, con forte e felice radicamento nel corpo, nelle emozioni, nelle fantasie, nelle sfumature del sentire e del sogno, e, nel medesimo tempo, un rigore quasi scientifico, da entomologo, nel catalogare, interpretare, riordinare consapevolmente i vissuti che emergono spontanei e imprevedibili.

La prima pagina si apre con la vista del mare, che torna, subito dopo, come metafora:

“… i suoi bisogni e la sua immaginazione insieme tendono a debordare, creare esondazioni pericolose”

Seguono pensieri, legati al luogo della vacanza estiva dove festeggerà il suo quindicesimo compleanno, accompagnati quasi sempre da immagini, che a loro volta si vanno a collocare nel corpo, associati a sensazioni fisiche e al bisogno di controllo. Quello che viene detto del carattere di Laura in apertura del libro richiama la costruzione stessa del libro, e quindi tratti che riportano a chi scrive -“quasi avesse un compito da svolgere: rappresentare mentalmente ogni cosa a cui attribuire un significato”. La narrazione si muove rigorosamente dentro un tempo circoscritto -un mese, visto nel suo scorrere giornaliero, un giorno particolare, il compleanno, i pochi giorni che lo concludono -, e si può dire che abbia come protagonista il pensiero di Laura, con le sue innervazioni corporee, immaginarie, animali, con la sua attenzione costante, precisa, determinata a cogliere, portare in evidenza ogni idea, sentimento, sensazione, per potergli dare un “significato”. Un racconto e insieme una analisi meticolosa del “vissuto” -un legame costante tra mente e corpo – con l’intento evidente, dichiarato, di poterlo elaborare e comprendere.

La domanda che mi viene da porre è : come si racconta una adolescenza? E, a seguire, come ha scelto di raccontarla Rosaura? Raccontarla in prima persona vuol dire affrontare un tempo della vita che ritorna nella memoria con tante zone di oscurità, di cose innominate e innominabili, con le sue riserve e i suoi riserbi, la sua frammentarietà. Scegliendo una narrazione in terza persona -e perciò una protagonista, una trama ben delineata, Rosaura ha optato per quello che forse è il suo bisogno di procedere con il massimo di ordine e consapevolezza. In altre parole è la donna adulta, con le sue conquistate chiarezze e libertà a ritornare sul lontano passato di una adolescente ancora coinvolta nel tumulto di sogni, aspettative, sentimenti opposti di ritiro, solitudine e bisogno d’amore, di socialità. Tutti i conflitti, gli interrogativi, i sogni di un’età della vita stretta tra l’infanzia e l’età adulta, tra il timore e il desiderio di una sessualità ancora sconosciuta, sono descritti nel loro comparire e mutare quasi giornaliero, con la precisione di chi ormai li padroneggia con sapienza e amorosa comprensione. E’ la donna di oggi a ridare corpo, voce, pensieri, sentimenti a un tempo decisivo della propria vita, e, nella sovrapposizione, costruire una figura esemplare nel suo passaggio di età e nel suo percorso di formazione: dal sogno alla consapevolezza, dalla chiusura in se stessa a una socialità dove l’amicizia ha posto quanto l’amore, dalla dipendenza dai genitori alla sua autosufficienza.

Tema centrale nel racconto non poteva che essere la sessualità, un sentire che si fa strada lentamente attraverso le immagini di un film, di un sogno – e che muove “sensi” ancora indefinibili del corpo, e un inferno nella mente. Uno “stato nascente” comincia a farsi strada attraverso le “fantasticherie”, insieme al bisogno di fuggire dalla “monotonia di casa”, sottrarsi alla “invadenza della famiglia”. L’accompagna una visione del futuro che sembra emergere, più che dalla sua giovane età, dalla esperienza della donna adulta che scrive: “lei sa già abbastanza delle rappresentazioni sociali che riguardano la femminilità: delicatezza, passività, bisogno di sostegno e, soprattutto, il ruolo obbligato della maternità. Al contrario, lei sa che che non vorrà mai avere figli, non si caccerà in quel fastidio (…) qualsiasi stereotipo materno ai suoi occhi appare ridicolo.”

Altro tema è il ricorrente riferimento agli animali, sia quando compaiono nelle metafore, sia quando Laura ne parla direttamente come “bisogno di essere lì, accanto a loro”, una vicinanza che fin da piccola “la placava”.

“…le manca la presenza degli animali; avrebbe bisogno sempre di averne qualcuno attorno, se non sono presenze vive da osservare e da amare, almeno deve poterli leggere nei libri o vederli nei documentari. Durante l’infanzia gli animali c’erano sempre stati, come immaginazione, come veri paesaggi della mente; sin da piccola sentiva in corpo un’affinità immediata con tutte le bestie del cosmo che nasceva naturale (…)Tra lei e le bestie scattava una simpatia spontanea, animale, appunto”.

C’è un altro passaggio del libro che fa capire meglio perché la vicinanza con gli animali rappresenti anche una angolatura per leggere il libro. Mentre Laura sta con le gambe raccolte sotto di sé a guardare il tramonto, le passa vicino uno scarabeo:

“…le trasmette la sua voglia di vivere, la sua serietà e soprattutto la sua autentica dimensione. Non c’è niente che l’insetto le possa nascondere, la sua natura e il suo scopo nel procedere sono chiari e del tutto spontanei, guidati solo dall’istinto che in lui non fallisce.”

Gli animali sono dunque, agli occhi di Laura, ma si può pensare anche dell’autrice, una perfetta, armoniosa combinazione di animalità e ordine, istintualità e leggi sicure che la controllano. Di questo amalgama riuscito tra elementi opposti e complementari da conto, nella sua originalità, la scrittura di Rosaura Galbiati, tenuta sul filo di una rigorosa, quasi scientifica, precisione concettuale e, al medesimo tempo, attraversata da una felice liricità. E’ una scrittura che arriva facile, immediata, avvolgente, che costringe a pensare mentre distrae, apre davanti agli occhi paesaggi inaspettati, induce alla divagazione e al sogno.

Nell’avanzare del racconto anche la sessualità esce a poco a poco dal sogno -il bacio del principe indiano che campeggia in un arazzo della camera di Laura, il fremito profondo che la sveglia – e trova volti e luoghi reali. E’ la cabina dove si incontrerà con Mauro, il ragazzo che l’ha sfiorata entrando con uno sguardo di inequivocabile interesse per lei, le giornate che vi fanno seguito e che sembrano confermarla di un sogno realizzato, per arrivare alla sera del suo compleanno, quando scoprirà di lui tratti della sua storia inquietanti e la fine di una intimità illusoria.

La chiusura traumatica di un rapporto d’amore appena iniziato, e in cui aveva creduto di poter vivere “momenti di intensa emozione mai appartenuti alla vita concreta”, trova, con immediatezza sorprendente per chi conosce i turbamenti dell’adolescenza alle sue prime prove di accettazione, la strada dei saggi ragionamenti di una donna consapevole di sé, forte della sua capacità di riconoscere e accettare l’altro nella sua diversità.

“Un’autonomia di giudizio, superiore a quella corrispondente alla sua età anagrafica, ce l’aveva sempre avuta e quella implicava autodisciplina (…) c’era bisogno di andare a fondo nel capire quello che le era successo, capitato tra capo e collo proprio alla fine di quella straordinaria vacanza, proprio il giorno del suo attesissimo compleanno..”.

A farsi voce, racconto, disciplina di un vissuto prossimo a sconfinare nel caos “sempre in agguato” è, non a caso, la scrittura, il luogo dove le parole si depositano sicure di trovare una loro “compiutezza” e dove il pensiero può continuare il suo “lavoro interiore”.

Articolo di Lea Melandi per il Manifesto, 27.05.2024

Screenshot
Categories:

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Intervista di Repubblica a Silvia Rivolta per Vite attese
“Vite attese”, il romanzo di Silvia Rivolta che indaga il legame tra genitori e figli
Recensione a “Il sentimento non dicibile dell’oggi” di Francesco Scapecchi
Tu, se sai dire, dillo, dillo a qualcuno Alcuni anni fa Gianluigi Simonetti, parlando dell’uscita
Recensione a L’Apocalisse della Sfinge di Francesco Tigani
Francesco Tigani è ricercatore attento e scrupoloso, oltre ad aver dato prova di essere un
Recensione a Visioni di Riccardo Bizzarri
Osservatorio Poetico di Sonia Caporossi | Riccardo Bizzarri Ciclo sulla madre dopo “L’uomo e i
Recensione a “Quando abbiamo smesso di pensare” di Davide Miccione
LA FINE DELLE IDEOLOGIE (DEGLI ALTRI) Marta Mancini 18-04-2024 La nostra epoca non è certo
Recensione a Il sommo revival di Gabriele Galligani
Edito da Transeuropa, «Il sommo revival. La società dello spettacolo nei romanzi di Pier Vittorio
Recensione a Il fosso di Edoardo Piazza
«Le parole non colgono il significato segreto, tutto appare un po’ diverso quando lo si
Recensione a Sinfonia di un bosco in rivolta di Paola Massoni
La scrittrice, compositrice e musicista Paola Massoni presenta Sinfonia di un bosco in rivolta, una
Recensione a Minime di Gabriele Berardi (con intervista)
Sofferenza, inquietudine, malinconia, rimpianto e speranza sono le sensazioni e gli stati d’animo che caratterizzano
Recensione a Sinfonia di un bosco in rivolta di Paola Massoni
Che poi qualcuno potrebbe dire che il titolo, Sinfonia di un bosco in rivolta, è
Recensione a Una vita maledetta di Gabriella Guidi
Gabriella Guidi esordisce in libreria con un romanzo forte e passionale, una storia vera che
Recensione a Nuvole Coraggiose di Raffaele Solitario
‘Nuvole coraggiose’ percorrono il cielo tra Ancona, l’Inghilterra, l’India e la Thailandia. Non portano pioggia,
Recensione alla cover di “Murati vivi” di Roberto Addeo
Sul Sole24 di domenica 15 gennaio 2024 recensione top alla cover di Murati Vivi, romanzo
Recensione a “Mi farò punteggiatura” di Nadia Dalle Vedove
Si intitola “Mi farò punteggiatura” (Transeuropa Editore, pag. 54, euro 15) l’ultimo libro di Nadia
Recensione a Un giorno adesso di Oronzo Liuzzi
Il verso lungo quasi narrante intercede per lo sviluppo di un flusso evidenziato nel sostegno
Recensione a L’animale umano di Tommaso Barbanera
Il primo romanzo di Tommaso Barbanera si segnala per una sincerità disarmante – una specie
Recensione a La ricostruzione di Parigi di Paolo Gera
La ricostruzione di Parigi (ai tempi della presente guerra)” è un libro singolare che interseca
Recensione a Un giorno adesso di Oronzo Liuzzi
Corposo poemetto in sessanta paragrafi, o minitesti, delicatamente proposto nella immersione della parola che qui
Recensione a Il passaporto della cicogna bianca
«Ciò che colpisce, leggendo, è l’uso raffinato e scanzonato ad un tempo della lingua italiana
Recensione a Wilhelm Reich libertario
Damiano Mazzotti ricostruisce i passaggi principale del volume che Andrea Pitto dedica al pensatore e
Recensione a Diario degli amori difficili
Un'attenta analisi del libro a quadri di Giacomo Sillari, la cui struttura ricorda al recensore
Recensione a Pasti caldi giù all’ospizio
Il curatore dell'antologia, Roberto Addeo, racconta la nascita e le regioni del progetto in una
Recensione a Sala d’attesa di Sergio D’Amaro
L'autore si sofferma, nella sua analisi critica e interpretativa, sulla sezione Sala d’attesa che rappresenta l’autentica novità
Recensione ad “Amori & disincanti” di Valerio Vigliaturo
Valerio Vigliaturo, Amori & Disincanti, transeuropa, 2020 Valerio Vigliaturo, narratore e cantante jazz, esordisce in poesia
Recensione a Emergenze da fine del mondo
tavola di Lucio Filippucci da Emergenze da fine del mondo – Transeuropa Emergenze da fine
Recensione a Incisioni all’acquaforte di Gregorio Febbo
Personalità a largo spettro artistico, Gregorio Febbo affronta, in questa sua silloge poetica, gli eterni
Recensione a “Limpida a guardare” di Michela Silla
Per ogni sole inertemi fingo linda e assorta;senza fatiche sul petto,né sparatorie di luce. Limpida
Le copertine della collana Transeuropa Lab finiscono in galleria d’arte
Le copertine essenziali, ispirate alla sobrietà di J. D. Salinger, della collana Transeuropa Lab sono
Recensione a “Mercati & mercati” di Antonio Semproni
Ci sono mercati di frutta, verdura e formaggi e mercati di blue chips, bond e bitcoin mercati
La seduzione del falso. Intervista a Emiliano Ventura
di Claudio O. Menafra Senti, Filocle, mi sai dire qual è mai la molla che scatena
Recensione a “La calligrafia come arte della guerra” di Andrea Tarabbia
Quando la luce fa paura. “La calligrafia come arte della guerra” di Andrea Tarabbia di Francesca
Recensione a “Lucida tela” di Valerio Cuccaroni
a cura di Lorenzo Favaper Lucida tela (Transeuropa, 2022)fotografia di Dino Ignani Se dovessi scegliere un verso che facesse
Recensione a “Senza titoli. Sovversi” di Mirko Boncaldo
con le punta di dita, rorida come brina sulle sgretolate screpolature vieni e sobilli atavici
Recensione a “Tempo 4/4” di Piero Toto
Nota di Luca Cenacchi «cosa sono io per te?» – Esistenzialismo interazionale e discoteca in tempo
Recensione “Murati vivi” di Roberto Addeo
Nel romanzo “Murati vivi” di Roberto Addeo, il lockdown del 2020 è un fatto marginale,