Recensione a L’animale umano di Tommaso Barbanera

Transeuropa Edizioni Uncategorized Recensione a L’animale umano di Tommaso Barbanera
0 Comments

Il primo romanzo di Tommaso Barbanera si segnala per una sincerità disarmante – una specie di programmatica battaglia senza quartiere all’eufemismo– e per la necessità compulsiva di mettere a nudo ogni particolare della propria storia personale e del proprio corpo. Si potrebbe dire, a ragion veduta, che  chi voglia  entrare nell’inferno privato dell’autore deve lasciare fuori dalle porte ogni speranza riguardo al politicamente corretto. Il contenuto è sporco e disperato, bukovskiano, celiniano, incentrato su un flusso di coscienza che piuttosto di elevarsi a ricordo depurato dagli anni, gratta la rogna dei rapporti familiari e personali, sino a far affiorare la carne viva. Siamo topi anche se ululiamo da lupi o ruggiamo da leoni. La nostra sporcizia ci è stata tolta per l’asetticità del laboratorio, lo sappiamo.  Però quando si tocca il fondo, si riesce finalmente a ridere. L’erotismo qui è talmente esaperato e ricco di particolari da risultare parodistico. Piccoli voyeur sbavano. Ma ci si può eccitare e intanto morire dal ridere? Forse sì.

Il protagonista, che il meccanismo dell’autofiction rivela come lo stesso autore, pratica un lavoro insoddisfacente e mal pagato, ha un rapporto senza filtri con l’alcol e le droghe, vive i suoi momenti di esaltazione o quando pratica le arti marziali in vere palestre Barnum o quando fa sesso con partner nevrotiche o armoniose.  Ma le arti marziali sono depurate dall’etica mishimiana per rivelare che ci si batte per colpire ed essere colpiti, senza nessun sconto, a mani nude, senza aggeggi virtuali, e anche il sesso è un corpo a corpo senza sovrastrutture sentimentalistiche.  In “1984” di George Orwell gli incontri sessuali non legittimi sono punibili per legge. La storia della letteratura ci ricorda che la libertà corporale, carnevalesca, contestatrice di Rabelais termina la sua parabola e trova la sua aberrante negazione nella macchina descritta da Kafka “Nella colonia penale”, che strazia la carne dei condannati incidendo le norme della Legge a cui si è disobbedito.

Il corpo. A questo romanzo va il merito di affrontare la grande rimozione dei nostri tempi. Il titolo “L’animale umano” designa un lato selvaggio e non addomesticabile che oggi, per una scelta di riscatto e libertà, dovrebbe proporre il lato del desiderio come antidoto formidabile alla pianificazione  sociale delle pulsioni indirizzate. Il corpo come gloria e il corpo come ricettacolo di funzioni scatologiche che Tommaso Barbanera non ha vergogna di gettare su tappeti lussuosi e su muri affrescati. Dall’altra parte c’è la Bestia, il Leviatano, il sistema di sorveglianza sovrumano e subumano, che gestisce attraverso i suoi strumenti mediologici, informatici, burocratici, la nostra esistenza quotidiana, incasella le nostre voglie, sorveglia che i nostri pensieri e le nostre azioni non possano ereticamente scartare dal pensiero e dalla condotta unica.  Tommaso Barbanera ne “La bestia umana” è come se avesse studiato  la biopolitica di Foucault e che la declinasse non in un saggio-studio, ma nell’esperienza scottante della biografia, sul confine fra ciò che è lecito e ciò che da tempo non lo è più,  con l’invito pressante di scrivere sempre e comunque la trama a modo nostro.

Paolo Gera, pubblicato in Fissando in volto il gelo l’8 novembre 2023

Categories:

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Recensione a L’Apocalisse della Sfinge di Francesco Tigani
Francesco Tigani è ricercatore attento e scrupoloso, oltre ad aver dato prova di essere un
Recensione a Visioni di Riccardo Bizzarri
Osservatorio Poetico di Sonia Caporossi | Riccardo Bizzarri Ciclo sulla madre dopo “L’uomo e i
Recensione a “Quando abbiamo smesso di pensare” di Davide Miccione
LA FINE DELLE IDEOLOGIE (DEGLI ALTRI) Marta Mancini 18-04-2024 La nostra epoca non è certo
Recensione a Il sommo revival di Gabriele Galligani
Edito da Transeuropa, «Il sommo revival. La società dello spettacolo nei romanzi di Pier Vittorio
Recensione a Il fosso di Edoardo Piazza
«Le parole non colgono il significato segreto, tutto appare un po’ diverso quando lo si
Recensione a Sinfonia di un bosco in rivolta di Paola Massoni
La scrittrice, compositrice e musicista Paola Massoni presenta Sinfonia di un bosco in rivolta, una
Recensione a Minime di Gabriele Berardi (con intervista)
Sofferenza, inquietudine, malinconia, rimpianto e speranza sono le sensazioni e gli stati d’animo che caratterizzano
Recensione a Sinfonia di un bosco in rivolta di Paola Massoni
Che poi qualcuno potrebbe dire che il titolo, Sinfonia di un bosco in rivolta, è
Recensione a Una vita maledetta di Gabriella Guidi
Gabriella Guidi esordisce in libreria con un romanzo forte e passionale, una storia vera che
Recensione a Nuvole Coraggiose di Raffaele Solitario
‘Nuvole coraggiose’ percorrono il cielo tra Ancona, l’Inghilterra, l’India e la Thailandia. Non portano pioggia,
Recensione alla cover di “Murati vivi” di Roberto Addeo
Sul Sole24 di domenica 15 gennaio 2024 recensione top alla cover di Murati Vivi, romanzo
Recensione a “Mi farò punteggiatura” di Nadia Dalle Vedove
Si intitola “Mi farò punteggiatura” (Transeuropa Editore, pag. 54, euro 15) l’ultimo libro di Nadia
Recensione a Un giorno adesso di Oronzo Liuzzi
Il verso lungo quasi narrante intercede per lo sviluppo di un flusso evidenziato nel sostegno
Recensione a La ricostruzione di Parigi di Paolo Gera
La ricostruzione di Parigi (ai tempi della presente guerra)” è un libro singolare che interseca
Recensione a Un giorno adesso di Oronzo Liuzzi
Corposo poemetto in sessanta paragrafi, o minitesti, delicatamente proposto nella immersione della parola che qui
Recensione a Il passaporto della cicogna bianca
«Ciò che colpisce, leggendo, è l’uso raffinato e scanzonato ad un tempo della lingua italiana
Recensione a Wilhelm Reich libertario
Damiano Mazzotti ricostruisce i passaggi principale del volume che Andrea Pitto dedica al pensatore e
Recensione a Diario degli amori difficili
Un'attenta analisi del libro a quadri di Giacomo Sillari, la cui struttura ricorda al recensore
Recensione a Pasti caldi giù all’ospizio
Il curatore dell'antologia, Roberto Addeo, racconta la nascita e le regioni del progetto in una
Recensione a Sala d’attesa di Sergio D’Amaro
L'autore si sofferma, nella sua analisi critica e interpretativa, sulla sezione Sala d’attesa che rappresenta l’autentica novità
Recensione ad “Amori & disincanti” di Valerio Vigliaturo
Valerio Vigliaturo, Amori & Disincanti, transeuropa, 2020 Valerio Vigliaturo, narratore e cantante jazz, esordisce in poesia
Recensione a Emergenze da fine del mondo
tavola di Lucio Filippucci da Emergenze da fine del mondo – Transeuropa Emergenze da fine
Recensione a Incisioni all’acquaforte di Gregorio Febbo
Personalità a largo spettro artistico, Gregorio Febbo affronta, in questa sua silloge poetica, gli eterni
Recensione a “Limpida a guardare” di Michela Silla
Per ogni sole inertemi fingo linda e assorta;senza fatiche sul petto,né sparatorie di luce. Limpida
Le copertine della collana Transeuropa Lab finiscono in galleria d’arte
Le copertine essenziali, ispirate alla sobrietà di J. D. Salinger, della collana Transeuropa Lab sono
Recensione a “Mercati & mercati” di Antonio Semproni
Ci sono mercati di frutta, verdura e formaggi e mercati di blue chips, bond e bitcoin mercati
La seduzione del falso. Intervista a Emiliano Ventura
di Claudio O. Menafra Senti, Filocle, mi sai dire qual è mai la molla che scatena
Recensione a “La calligrafia come arte della guerra” di Andrea Tarabbia
Quando la luce fa paura. “La calligrafia come arte della guerra” di Andrea Tarabbia di Francesca
Recensione a “Lucida tela” di Valerio Cuccaroni
a cura di Lorenzo Favaper Lucida tela (Transeuropa, 2022)fotografia di Dino Ignani Se dovessi scegliere un verso che facesse
Recensione a “Senza titoli. Sovversi” di Mirko Boncaldo
con le punta di dita, rorida come brina sulle sgretolate screpolature vieni e sobilli atavici
Recensione a “Tempo 4/4” di Piero Toto
Nota di Luca Cenacchi «cosa sono io per te?» – Esistenzialismo interazionale e discoteca in tempo
Recensione “Murati vivi” di Roberto Addeo
Nel romanzo “Murati vivi” di Roberto Addeo, il lockdown del 2020 è un fatto marginale,