Recensione a Il passaporto della cicogna bianca

Transeuropa Edizioni Uncategorized Recensione a Il passaporto della cicogna bianca
0 Comments

Non sapevo che la cicogna bianca fosse l’uccello con la maggiore apertura alare, ma questa sua capacità di lunghi voli la legittima ad avere un passaporto, che la porta in giro per il mondo in barba ai confini rasoterra.


Il passaporto delle cicogna bianca” è il nuovo libro di Carlo Maria Milazzo, appena edito da Transeuropa nella collana “studi e ricerche”.
L’autore è una firma nota ed apprezzata del nostro Omnis Magazine, che ha avuto il piacere di pubblicare in anteprima alcuni testi che arricchiscono il neonato volume. Ne trovate uno, con il solito stile inconfondibile, anche in questo numero.


La tesi di Milazzo, viaggiatore per passione, è che “il senso della vita è più affascinante se si sommano le tante concezioni dei mondi che si incontrano alle varie latitudini”. Così, come la cicogna bianca del titolo, egli spazia tra tutti i continenti, producendo “docu-racconti” che catturano per varie ragioni.

Prima di tutto, il “luogo” narrato: anche il più noto (Venezia per esempio) viene sempre descritto con un’angolazione personalissima. Venezia risalta accompagnata dal poeta russo Josip Brodskij, che riposa proprio nel cimitero lagunare sull’isolotto di San Michele; o come sfondo danzante e generativo della Malinconia di Albrecht Dürer; o come rilettura drammatizzata del San Giovanni decollato di Tiziano.


Ciò che colpisce, leggendo, è l’uso raffinato e scanzonato ad un tempo della lingua italiana e delle relative regole grammaticali, con le quali lo scrittore pare avere stipulato un privatissimo patto, che produce efficaci affreschi e consapevoli piroette. Se il lettore capisce, buon per lui! Altrimenti, come cantava, Giovanni Battista Marino, “vada alla striglia”. E che il lettore debba sottostare alle regole non comuni dettate autocraticamente dal demiurgo è confermato dall’insolita struttura del libro: privo di un indice con rinvio di pagine, esso giustappone i docu-racconti affidando a chi l’ha in mano il compito di orientarsi senza bussola. Perciò accade che cercando un testo ci si imbatta in un altro, magari anche più coinvolgente. Una procedura che – ai tempi dell’Intelligenza Artificiale e del Google perenne- l’autore potrebbe persino avere adottato per mantenere plastico il cervello dell’interlocutore!


Sicuramente Milazzo sa stupire con paragoni imprevedibili ed inattese descrizioni cromatiche. Come quella di Jamila, guida turistica dell’Errante sul suolo kirghiso; “Ha studiato bene l’italiano all’università di Bishkek e non è una badante di ritorno. Jamila ha corpo tondeggiante da matrioska/guance sferoidali rossastre come palline impiegate in un tennis al Roland Garros/capelli neri a mantellina di Zorro/occhi in cui ristagna amarezza/golf arancio tramonto” (da “Aquile e lune di Issik-Kol”, pag.204).  


Giudizi taglienti: “in Guatemala il tempo avanza alla velocità di un bradipo con il freno a mano tirato” (“La dea di santiago Atitlàn, pag. 70)


Scoperte inattese: “Dalle didascalie ad alcuni quadri mi sorprende che, in lingua maltese, Dio si pronunci Alla e Madonna si dica Sultana” (“La Valletta, genio e crimini di un Cavaliere”, pag. 223).


Modenese trapiantato a Bologna, Milazzo trova scorci e sguardi sorprendenti anche nella città adottiva, (“I matti di Emilia Levante”, pag.251), riportando alla memoria dei petroniani meno giovani personaggi un tempo stranoti, come “Settecappotti” e la “Fatina dei fiori”.
Lisa Bellocchi

Categories:

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Recensione a “Il sentimento non dicibile dell’oggi” di Francesco Scapecchi
Tu, se sai dire, dillo, dillo a qualcuno Alcuni anni fa Gianluigi Simonetti, parlando dell’uscita
Recensione a L’Apocalisse della Sfinge di Francesco Tigani
Francesco Tigani è ricercatore attento e scrupoloso, oltre ad aver dato prova di essere un
Recensione a Visioni di Riccardo Bizzarri
Osservatorio Poetico di Sonia Caporossi | Riccardo Bizzarri Ciclo sulla madre dopo “L’uomo e i
Recensione a “Quando abbiamo smesso di pensare” di Davide Miccione
LA FINE DELLE IDEOLOGIE (DEGLI ALTRI) Marta Mancini 18-04-2024 La nostra epoca non è certo
Recensione a Il sommo revival di Gabriele Galligani
Edito da Transeuropa, «Il sommo revival. La società dello spettacolo nei romanzi di Pier Vittorio
Recensione a Il fosso di Edoardo Piazza
«Le parole non colgono il significato segreto, tutto appare un po’ diverso quando lo si
Recensione a Sinfonia di un bosco in rivolta di Paola Massoni
La scrittrice, compositrice e musicista Paola Massoni presenta Sinfonia di un bosco in rivolta, una
Recensione a Minime di Gabriele Berardi (con intervista)
Sofferenza, inquietudine, malinconia, rimpianto e speranza sono le sensazioni e gli stati d’animo che caratterizzano
Recensione a Sinfonia di un bosco in rivolta di Paola Massoni
Che poi qualcuno potrebbe dire che il titolo, Sinfonia di un bosco in rivolta, è
Recensione a Una vita maledetta di Gabriella Guidi
Gabriella Guidi esordisce in libreria con un romanzo forte e passionale, una storia vera che
Recensione a Nuvole Coraggiose di Raffaele Solitario
‘Nuvole coraggiose’ percorrono il cielo tra Ancona, l’Inghilterra, l’India e la Thailandia. Non portano pioggia,
Recensione alla cover di “Murati vivi” di Roberto Addeo
Sul Sole24 di domenica 15 gennaio 2024 recensione top alla cover di Murati Vivi, romanzo
Recensione a “Mi farò punteggiatura” di Nadia Dalle Vedove
Si intitola “Mi farò punteggiatura” (Transeuropa Editore, pag. 54, euro 15) l’ultimo libro di Nadia
Recensione a Un giorno adesso di Oronzo Liuzzi
Il verso lungo quasi narrante intercede per lo sviluppo di un flusso evidenziato nel sostegno
Recensione a L’animale umano di Tommaso Barbanera
Il primo romanzo di Tommaso Barbanera si segnala per una sincerità disarmante – una specie
Recensione a La ricostruzione di Parigi di Paolo Gera
La ricostruzione di Parigi (ai tempi della presente guerra)” è un libro singolare che interseca
Recensione a Un giorno adesso di Oronzo Liuzzi
Corposo poemetto in sessanta paragrafi, o minitesti, delicatamente proposto nella immersione della parola che qui
Recensione a Wilhelm Reich libertario
Damiano Mazzotti ricostruisce i passaggi principale del volume che Andrea Pitto dedica al pensatore e
Recensione a Diario degli amori difficili
Un'attenta analisi del libro a quadri di Giacomo Sillari, la cui struttura ricorda al recensore
Recensione a Pasti caldi giù all’ospizio
Il curatore dell'antologia, Roberto Addeo, racconta la nascita e le regioni del progetto in una
Recensione a Sala d’attesa di Sergio D’Amaro
L'autore si sofferma, nella sua analisi critica e interpretativa, sulla sezione Sala d’attesa che rappresenta l’autentica novità
Recensione ad “Amori & disincanti” di Valerio Vigliaturo
Valerio Vigliaturo, Amori & Disincanti, transeuropa, 2020 Valerio Vigliaturo, narratore e cantante jazz, esordisce in poesia
Recensione a Emergenze da fine del mondo
tavola di Lucio Filippucci da Emergenze da fine del mondo – Transeuropa Emergenze da fine
Recensione a Incisioni all’acquaforte di Gregorio Febbo
Personalità a largo spettro artistico, Gregorio Febbo affronta, in questa sua silloge poetica, gli eterni
Recensione a “Limpida a guardare” di Michela Silla
Per ogni sole inertemi fingo linda e assorta;senza fatiche sul petto,né sparatorie di luce. Limpida
Le copertine della collana Transeuropa Lab finiscono in galleria d’arte
Le copertine essenziali, ispirate alla sobrietà di J. D. Salinger, della collana Transeuropa Lab sono
Recensione a “Mercati & mercati” di Antonio Semproni
Ci sono mercati di frutta, verdura e formaggi e mercati di blue chips, bond e bitcoin mercati
La seduzione del falso. Intervista a Emiliano Ventura
di Claudio O. Menafra Senti, Filocle, mi sai dire qual è mai la molla che scatena
Recensione a “La calligrafia come arte della guerra” di Andrea Tarabbia
Quando la luce fa paura. “La calligrafia come arte della guerra” di Andrea Tarabbia di Francesca
Recensione a “Lucida tela” di Valerio Cuccaroni
a cura di Lorenzo Favaper Lucida tela (Transeuropa, 2022)fotografia di Dino Ignani Se dovessi scegliere un verso che facesse
Recensione a “Senza titoli. Sovversi” di Mirko Boncaldo
con le punta di dita, rorida come brina sulle sgretolate screpolature vieni e sobilli atavici
Recensione a “Tempo 4/4” di Piero Toto
Nota di Luca Cenacchi «cosa sono io per te?» – Esistenzialismo interazionale e discoteca in tempo
Recensione “Murati vivi” di Roberto Addeo
Nel romanzo “Murati vivi” di Roberto Addeo, il lockdown del 2020 è un fatto marginale,