Recensione a Wilhelm Reich libertario

Transeuropa Edizioni Uncategorized Recensione a Wilhelm Reich libertario
0 Comments

Definire Reich non è per niente facile. Essendo un uomo libero non era facilmente inquadrabile. Si potrebbe definire il pensiero di Reich anche come anarchico: all’epoca “Indubbiamente egli rappresenta l’ala marxista e per certi versi libertaria in seno al movimento psicoanalitico internazionale” (p. 5). Reich era sicuramente un grande studioso del comportamento umano, che aveva addirittura inserito i “bambini del futuro” nel suo testamento (p. 99).

Generalmente nel carattere delle persone malate, “l’azione e la motivazione dell’azione non coincidono mai. Il vero motivo è nascosto, e l’azione viene giustificata con un motivo apparente” (Reich, p. 189). Sono così presenti “ipocrisia e opportunismo pervasivi, tendenze utilizzate costantemente per manipolare gli altri e ottenere vantaggi perrsonali” (Pitto, p. 189). La dissimulazione quindi abusa continuamente del suo tremendo potere.

Secondo Reich “le masse possono essere trascinate da un potere forte, essere manipolate, causando conseguenze estreme, come feroci dittature e distruzioni belliche. Oppure divengono esse stesse manipolatorie, forgiando i loro pupazzi che recitano [così] la parte di grandi imperatori della corrente che in realtà li trascina via con sé”. Però per nostra grande fortuna le masse di ieri non sono uguali alle masse di oggi. In un certo modo, noi siamo più evoluti.

Però questo “dilemma non è facile da risolvere. Sono i popoli a produrre i leader o sono questi a forgiare gli individui che li acclameranno? Oppure entrambi i fenomeni sono compresenti ed è impossibile poterne analizzare separatamente la duplice singolarità?” (p. 42). Chi lascia subentrare i vari leader che si alternano alla guida di una nazione, facendo quasi sempre gli interessi dei grandi gruppi di potere?

Quindi il male “è radicato nell’uomo dal tempo in cui ha voltato le spalle alla natura, al flusso di energia vitale, che scorre nell’organismo, da quando, cioè, egli s’è corazzato” (p. 100). I mali moderni sono quindi molto simili ai mali di ieri. Le cause più profonde sono quasi sempre le stesse.

Comunque per capire buona parte dell’abuso di potere governativo statunitense dell’epoca, basta leggere queste righe: “La vicenda si dimostra una sorta di persecuzione giudiziaria che comprende anche la distruzione di materiale orgonomico compresi quintali di libri inceeeriti nell’ultimo autodafè avvenuto in territorio americano. Sembra, tra l’altro, che le spese dell’operazione siano state addebitate allo stesso Reich” (p. 36).

La burocrazia governativa, manovrata nell’ombra dai veri poteri, si fa poi ancora più dura: nel 1956 “Reich e il suo collaboratore Michael Silvert vengono imprigionati per aver trasgredito il decreto di distruggere tutti gli accumulatori orgonomici e il restante materiale scientifico. Sono puoi rilasciati dietro pagamento di una forte cauzione” (p. 36).

Poi si svolge il processo e Reich che non si riconosce in nessun reato non si presenta in tribunale. Segue la condanna di due anni di carcere, anche perchè la sua mancata presentazione viene considerata come vilipendio della corte. Infine, “Il 3 novembre muore, nel carcere di Lewisburg, ufficialmente per infarto miocardico, anche se alcuni ritengono che la causa della morte sia dovuta alle sperimentazioni psicologiche cui lo stesso Reich aveva accettato di sottoporsi per ridurre il periodo di detenzione” (p. 36).

Alcune persone ritengono che l’intensa attività di Reich potesse mettere “in pericolo i fatturati delle holding farmaceutiche e/o dell’energia” (p. 36). Secondo Reich l’energia orgonica poteva mettere in pericolo i fatturati derivanti dal petrolio e dal polo nucleare, facendo concorrenza anche all’energia eolica e solare.

Ma “Un fatto è certo: Wilhelm Reich morì in prigione, l’esito peggiore per chi ha dedicato la vita alla ricerca scientifica, impegnandosi per la salute della gente” (p. 197). In ogni caso, “senza autogoverno e possibilità di critica non vi è alcuna libertà concreta, solo i suoi simulacri” (p. 92).

Qui la fonte della recensione.

Categories:

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Recensione a Una vita maledetta di Gabriella Guidi
Gabriella Guidi esordisce in libreria con un romanzo forte e passionale, una storia vera che
Recensione a Nuvole Coraggiose di Raffaele Solitario
‘Nuvole coraggiose’ percorrono il cielo tra Ancona, l’Inghilterra, l’India e la Thailandia. Non portano pioggia,
Recensione alla cover di “Murati vivi” di Roberto Addeo
Sul Sole24 di domenica 15 gennaio 2024 recensione top alla cover di Murati Vivi, romanzo
Recensione a “Mi farò punteggiatura” di Nadia Dalle Vedove
Si intitola “Mi farò punteggiatura” (Transeuropa Editore, pag. 54, euro 15) l’ultimo libro di Nadia
Recensione a Un giorno adesso di Oronzo Liuzzi
Il verso lungo quasi narrante intercede per lo sviluppo di un flusso evidenziato nel sostegno
Recensione a L’animale umano di Tommaso Barbanera
Il primo romanzo di Tommaso Barbanera si segnala per una sincerità disarmante – una specie
Recensione a La ricostruzione di Parigi di Paolo Gera
La ricostruzione di Parigi (ai tempi della presente guerra)” è un libro singolare che interseca
Recensione a Un giorno adesso di Oronzo Liuzzi
Corposo poemetto in sessanta paragrafi, o minitesti, delicatamente proposto nella immersione della parola che qui
Recensione a Il passaporto della cicogna bianca
«Ciò che colpisce, leggendo, è l’uso raffinato e scanzonato ad un tempo della lingua italiana
Recensione a Diario degli amori difficili
Un'attenta analisi del libro a quadri di Giacomo Sillari, la cui struttura ricorda al recensore
Recensione a Pasti caldi giù all’ospizio
Il curatore dell'antologia, Roberto Addeo, racconta la nascita e le regioni del progetto in una
Recensione a Sala d’attesa di Sergio D’Amaro
L'autore si sofferma, nella sua analisi critica e interpretativa, sulla sezione Sala d’attesa che rappresenta l’autentica novità
Recensione ad “Amori & disincanti” di Valerio Vigliaturo
Valerio Vigliaturo, Amori & Disincanti, transeuropa, 2020 Valerio Vigliaturo, narratore e cantante jazz, esordisce in poesia
Recensione a Emergenze da fine del mondo
tavola di Lucio Filippucci da Emergenze da fine del mondo – Transeuropa Emergenze da fine
Recensione a Incisioni all’acquaforte di Gregorio Febbo
Personalità a largo spettro artistico, Gregorio Febbo affronta, in questa sua silloge poetica, gli eterni
Recensione a “Limpida a guardare” di Michela Silla
Per ogni sole inertemi fingo linda e assorta;senza fatiche sul petto,né sparatorie di luce. Limpida
Le copertine della collana Transeuropa Lab finiscono in galleria d’arte
Le copertine essenziali, ispirate alla sobrietà di J. D. Salinger, della collana Transeuropa Lab sono
Recensione a “Mercati & mercati” di Antonio Semproni
Ci sono mercati di frutta, verdura e formaggi e mercati di blue chips, bond e bitcoin mercati
La seduzione del falso. Intervista a Emiliano Ventura
di Claudio O. Menafra Senti, Filocle, mi sai dire qual è mai la molla che scatena
Recensione a “La calligrafia come arte della guerra” di Andrea Tarabbia
Quando la luce fa paura. “La calligrafia come arte della guerra” di Andrea Tarabbia di Francesca
Recensione a “Lucida tela” di Valerio Cuccaroni
a cura di Lorenzo Favaper Lucida tela (Transeuropa, 2022)fotografia di Dino Ignani Se dovessi scegliere un verso che facesse
Recensione a “Senza titoli. Sovversi” di Mirko Boncaldo
con le punta di dita, rorida come brina sulle sgretolate screpolature vieni e sobilli atavici
Recensione a “Tempo 4/4” di Piero Toto
Nota di Luca Cenacchi «cosa sono io per te?» – Esistenzialismo interazionale e discoteca in tempo
Recensione “Murati vivi” di Roberto Addeo
Nel romanzo “Murati vivi” di Roberto Addeo, il lockdown del 2020 è un fatto marginale,