Recensione a Il sommo revival di Gabriele Galligani

Transeuropa Edizioni Recensione Recensione a Il sommo revival di Gabriele Galligani
0 Comments

Edito da Transeuropa, «Il sommo revival. La società dello spettacolo nei romanzi di Pier Vittorio Tondelli» del bergamasco Gabriele Galligani è un breve saggio in cui viene riletta l’opera dello scrittore emiliano alla luce di alcune teorie critiche sulla società tardo-capitalistica.

In una delle sue interviste più note, l’ultima rilasciata prima di essere ammazzato, a una domanda sul possibile scandalo che avrebbe potuto seguire l’uscita del film «Salò o le 120 giornate di Sodoma», Pier Paolo Pasolini rispondeva: «Io penso che scandalizzare sia un diritto, essere scandalizzati un piacere, e chi rifiuta il piacere di essere scandalizzato è un moralista, il cosiddetto moralista». Tralasciando ogni considerazione sulla dissoluzione di qualsiasi traccia di anticonformismo e irriverenza verso il potere – dei costumi, della morale e della cultura borghese – cui la società italiana contemporanea si è ormai abituata, si può immaginare che quelle parole di Pasolini possano valere anche per Pier Vittorio Tondelli, giovane e controverso (per la morale dominante, appunto) autore in attività negli anni Ottanta, morto di AIDS nel 1991 a soli 36 anni.

Il libro d’esordio di Tondelli, «Altri libertini», nel 1980, anno della pubblicazione, aveva decisamente scandalizzato, per quei protagonisti che erano emarginati sociali, tossicomani, transessuali e omosessuali della provincia italiana, raccontati con un linguaggio autentico e senza fronzoli, fatto anche di turpiloqui. Il libro, a dispetto dei detrattori, ha vinto la sfida con il tempo, ed è in grado come pochi, ancora oggi, di restituire l’autenticità di un contesto culturale e sociale, delle sue “risonanze emotive”. Il libro si trasformò in un caso letterario per via del processo per oscenità e blasfemia e oltraggio alla morale a cui fu subito sottoposto l’autore, ne fu richiesto addirittura il sequestro. L’anno seguente Tondelli fu assolto, e il libro riprese a circolare liberamente.

Oggi Tondelli è uno scrittore di culto, ha pubblicato tutti i suoi romanzi negli anni Ottanta ed è considerato tra i più talentuosi e rappresentativi del postmodernismo letterario italiano: interprete della cosiddetta controcultura omosessuale, fu particolarmente sensibile nel registrare le “patologie” giovanili del suo tempo – i “gloriosi” e malefici anni del “riflusso nel privato”, del trionfo della merce, della pubblicità e delle TV private e del mondo dello spettacolo, dei centri commerciali e dei fast-food, del successo economico individuale come misura di rispettabilità, del rampantismo e della realizzazione personale come religione laica – e interpretarle all’interno dei suoi romanzi, nei suoi personaggi, con le loro insoddisfazioni e invincibili malinconie. Perché è soprattutto questo, sembrano dirci le sue storie, che genera la società tardo-capitalistica, nell’illusione delle infinite possibilità che offre: insoddisfazione, malinconia, una specie di magone esistenziale irrimediabile che spinge finanche all’emarginazione, all’abbandono, alla solitudine.

None

Ne parla dettagliatamente Gabriele Galligani, insegnante e scrittore bergamasco – di cui ci eravamo già occupati su queste pagine – nel suo saggio «Il sommo revival. La società dello spettacolo nei romanzi di Pier Vittorio Tondelli», edito da Transeuropa , casa editrice con cui lo stesso Tondelli collaborò.

È una ricognizione di quattro romanzi e una raccolta di articoli pubblicati dallo scrittore emiliano tra il 1980 e il 1990 («Altri libertini», «Pao Pao», «Rimini», «Camere separate» e «Un weekend postmoderno. Cronache dagli anni Ottanta») che Galligani rilegge alla luce di alcune importanti teorie sociologiche e filosofiche sulla società dei consumi e dello spettacolo (si parla di Guy Debord, Jean Baudrillard, Mark Fisher, Byung-Chul Han e altri). Individuando l’influenza della cultura dello spettacolo nelle pieghe dei romanzi tondelliani, Galligani prova a rintracciare l’origine di quel magone esistenziale di cui Tondelli è interprete nei suoi scritti, e che è la tinta dominante della sua narrativa («scrittore del magone» lo definisce Marco Belpoliti in «Pianura»).

Tondelli riuscirebbe così a fornire una «resa narrativa» di alcune tra le più influenti teorie critiche postmoderniste, attraverso un diffuso riferimento, nelle vite dei suoi personaggi, a elementi della cultura nazional-popolare, alla dimensione mediatica e spettacolare, alla cultura di massa: cinematografica, televisiva, radiofonica. Una resa che ha dissodato il terreno a un intero filone letterario esploso negli anni Novanta – quello dei cosiddetti “cannibali” e della “pulp-fiction” – in cui si è normalizzato l’ingresso nel romanzo italiano di nuovi temi e topoi (il consumismo, i non-luoghi, la TV, il postumanesimo, le citazioni, eccetera) e di codici linguistici innovativi, alti e bassi insieme, gergali o sottoculturali.

Gabriele Galligani

La narrativa tondelliana si dimostra ancora in grado di parlare al presente proprio perché capace di «precorrere dinamiche concretizzatesi anche decenni dopo la sua morte, con l’evoluzione dei mezzi di comunicazione e dello spettacolo», scrive Galligani. Le storie che racconta parlano di avventure, scoperte, trasgressioni ed eccessi; «non sfociano mai in una piena soddisfazione o felicità», ma finiscono per dare corpo alla nostalgia, alla malinconia che accompagna la ricerca d’identità quando si nutre di modelli spettacolari da imitare, di simulacri effimeri a cui protendere.

Ci sono poi la difficoltà di vivere appieno l’esperienza amorosa e le relazioni, l’individualizzazione dell’esperienza – quella che prima era davanti la TV o con il walk-man, oggi è davanti allo smartphone – e la ricerca di un’emancipazione esistenziale che sembra impossibile. Anche per questo non possono che continuare a essere di estrema attualità. Il breve saggio di Galligani offre l’occasione di scoprire o ampliare la conoscenza di un grande scrittore italiano, nel suo essere una specie di “criptonite” per benpensanti, moralisti e conservatori. Uno di cui, insieme a Pierpaolo Pasolini, si sente una disperata e malinconica mancanza oggi. Ecco, quasi un magone.

Articolo di Mirco Roncoroni uscito su Eppen, inserto culturale dell?Eco di Bergamo.

Categories:

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Recensione a “Il sentimento non dicibile dell’oggi” di Francesco Scapecchi
Tu, se sai dire, dillo, dillo a qualcuno Alcuni anni fa Gianluigi Simonetti, parlando dell’uscita
Recensione a L’Apocalisse della Sfinge di Francesco Tigani
Francesco Tigani è ricercatore attento e scrupoloso, oltre ad aver dato prova di essere un
Recensione a Visioni di Riccardo Bizzarri
Osservatorio Poetico di Sonia Caporossi | Riccardo Bizzarri Ciclo sulla madre dopo “L’uomo e i
Recensione a “Quando abbiamo smesso di pensare” di Davide Miccione
LA FINE DELLE IDEOLOGIE (DEGLI ALTRI) Marta Mancini 18-04-2024 La nostra epoca non è certo
Recensione a Il fosso di Edoardo Piazza
«Le parole non colgono il significato segreto, tutto appare un po’ diverso quando lo si
Recensione a Sinfonia di un bosco in rivolta di Paola Massoni
La scrittrice, compositrice e musicista Paola Massoni presenta Sinfonia di un bosco in rivolta, una
Recensione a Minime di Gabriele Berardi (con intervista)
Sofferenza, inquietudine, malinconia, rimpianto e speranza sono le sensazioni e gli stati d’animo che caratterizzano
Recensione a Sinfonia di un bosco in rivolta di Paola Massoni
Che poi qualcuno potrebbe dire che il titolo, Sinfonia di un bosco in rivolta, è
Recensione a Una vita maledetta di Gabriella Guidi
Gabriella Guidi esordisce in libreria con un romanzo forte e passionale, una storia vera che
Recensione a Nuvole Coraggiose di Raffaele Solitario
‘Nuvole coraggiose’ percorrono il cielo tra Ancona, l’Inghilterra, l’India e la Thailandia. Non portano pioggia,
Recensione alla cover di “Murati vivi” di Roberto Addeo
Sul Sole24 di domenica 15 gennaio 2024 recensione top alla cover di Murati Vivi, romanzo
Recensione a “Mi farò punteggiatura” di Nadia Dalle Vedove
Si intitola “Mi farò punteggiatura” (Transeuropa Editore, pag. 54, euro 15) l’ultimo libro di Nadia
Recensione a Un giorno adesso di Oronzo Liuzzi
Il verso lungo quasi narrante intercede per lo sviluppo di un flusso evidenziato nel sostegno
Recensione a L’animale umano di Tommaso Barbanera
Il primo romanzo di Tommaso Barbanera si segnala per una sincerità disarmante – una specie
Recensione a La ricostruzione di Parigi di Paolo Gera
La ricostruzione di Parigi (ai tempi della presente guerra)” è un libro singolare che interseca
Recensione a Un giorno adesso di Oronzo Liuzzi
Corposo poemetto in sessanta paragrafi, o minitesti, delicatamente proposto nella immersione della parola che qui
Recensione a Il passaporto della cicogna bianca
«Ciò che colpisce, leggendo, è l’uso raffinato e scanzonato ad un tempo della lingua italiana
Recensione a Wilhelm Reich libertario
Damiano Mazzotti ricostruisce i passaggi principale del volume che Andrea Pitto dedica al pensatore e
Recensione a Diario degli amori difficili
Un'attenta analisi del libro a quadri di Giacomo Sillari, la cui struttura ricorda al recensore
Recensione a Pasti caldi giù all’ospizio
Il curatore dell'antologia, Roberto Addeo, racconta la nascita e le regioni del progetto in una
Recensione a Sala d’attesa di Sergio D’Amaro
L'autore si sofferma, nella sua analisi critica e interpretativa, sulla sezione Sala d’attesa che rappresenta l’autentica novità
Recensione ad “Amori & disincanti” di Valerio Vigliaturo
Valerio Vigliaturo, Amori & Disincanti, transeuropa, 2020 Valerio Vigliaturo, narratore e cantante jazz, esordisce in poesia
Recensione a Emergenze da fine del mondo
tavola di Lucio Filippucci da Emergenze da fine del mondo – Transeuropa Emergenze da fine
Recensione a Incisioni all’acquaforte di Gregorio Febbo
Personalità a largo spettro artistico, Gregorio Febbo affronta, in questa sua silloge poetica, gli eterni
Recensione a “Limpida a guardare” di Michela Silla
Per ogni sole inertemi fingo linda e assorta;senza fatiche sul petto,né sparatorie di luce. Limpida
Le copertine della collana Transeuropa Lab finiscono in galleria d’arte
Le copertine essenziali, ispirate alla sobrietà di J. D. Salinger, della collana Transeuropa Lab sono
Recensione a “Mercati & mercati” di Antonio Semproni
Ci sono mercati di frutta, verdura e formaggi e mercati di blue chips, bond e bitcoin mercati
La seduzione del falso. Intervista a Emiliano Ventura
di Claudio O. Menafra Senti, Filocle, mi sai dire qual è mai la molla che scatena
Recensione a “La calligrafia come arte della guerra” di Andrea Tarabbia
Quando la luce fa paura. “La calligrafia come arte della guerra” di Andrea Tarabbia di Francesca
Recensione a “Lucida tela” di Valerio Cuccaroni
a cura di Lorenzo Favaper Lucida tela (Transeuropa, 2022)fotografia di Dino Ignani Se dovessi scegliere un verso che facesse
Recensione a “Senza titoli. Sovversi” di Mirko Boncaldo
con le punta di dita, rorida come brina sulle sgretolate screpolature vieni e sobilli atavici
Recensione a “Tempo 4/4” di Piero Toto
Nota di Luca Cenacchi «cosa sono io per te?» – Esistenzialismo interazionale e discoteca in tempo
Recensione “Murati vivi” di Roberto Addeo
Nel romanzo “Murati vivi” di Roberto Addeo, il lockdown del 2020 è un fatto marginale,