Recensione “Murati vivi” di Roberto Addeo

Transeuropa Edizioni Recensione Recensione “Murati vivi” di Roberto Addeo
0 Comments

Nel romanzo “Murati vivi” di Roberto Addeo, il lockdown del 2020 è un fatto marginale, evocato nellle ultime pagine del libro. Eppure la sua ombra sinistra si proietta tanto sulla struttura della narrazione che sull’ identità dei personaggi. “C’è in questa palazzina di due piani un’energia nera che s’infila sotto la pelle di chi la abita, sembra che la morte vi abbia preso posto e con la sua mole non lasci spazio alla vita. Chi non soccombe continua a vivere con la fine scritta in faccia.” (p.231). L’arroccamento nei propri appartamenti, la diffidenza verso gli estranei, la violenza strisciante che nasce dall’insofferenza per chi sta a due passi da noi, ma dall’altra parte della parete, era un comandamento del nostro ‘modus vivendi’ già prima delle misure  restrittive imposte dalla gestione scriteriata della pandemia e Roberto Addeo ne descrive le conseguenze più terribili, in modo che il lockdown risulti una firma appena leggibile in un contratto capestro  già sancito dal diritto abitudinario.

 “Murati vivi” è abile a giocare con i generi: il noir, lo splatter, ‘l’amour fou’, il verismo, che  nella sua versione cannibalesca, ha la vocazione di descrivere le sacche degli emarginati, piuttosto che una classe operaia completamente integrata. Napoli, in un anagramma facilmente decifrabile, è diventata Polnia, una città dove la solidarietà è morta, il consumismo impera e ognuno si aggrappa disperatamente al proprio nucleo familiare e all’affetto problematico che scorre, con ingorghi di ogni tipo, dai suoi rubinetti domestici. In un condominio periferico vivono due coppie sposate: Attilio e Rosalba, autoctoni , e Linda, esponente della Polna-bene, che ha sposato Bogdan, rumeno, trafficante di droga, zingaro. Il fatto che il matrimonio di questi ultimi due sia stato benedetto dalla nascita di una bambina, Micaela, non fa che aumentare il risentimento dei vicini del piano di sotto, perché Rosalba desidera disperatamente, come forma di riscatto e àncora di salvezza della sua unione, un figlio che non vuole arrivare.

 Quello che mi convince e mi piace in questo romanzo materialista, è che la descrizione psicologica non si presta a studi sofisticati ed inutili, ma è come se si legasse immediatamente alle reazioni somatiche dei personaggi., che si imprimesse sulle contorsioni dei loro corpi, sulle loro tachicardie, sulle loro gambe molli, sugli sputi, sul vomito. In inglese, eufemisticamente , ma in termini per nulla migliorativi, il corpo viene indicato con l’espressione ‘flesh and bones’, carne e ossa.  In questo romanzo la carne e le ossa sono sempre portati al limite del danno, i personaggi, dalla prima all’ultima pagina ‘non stanno bene’, ma vivono la loro storia come assediati dal male fisico che accettano come conseguenza inevitabile del disordine e del delirio delle proprie esistenze. Non voglio raccontare la trama, ma sino dall’inizio si comprende che la maledizione della violenza scoppierà prima o poi con esiti raccapriccianti L’ossessione calpesterà i confini troppo labili del reale. Tra gli uomini e le donne di “Murati vivi” raschiano alle porte i topi dagli occhi rossi, richiamo di infestazione psichica, prima che reale,  e per loro, come per i cittadini di Polna, non si ha nessuna pietà.  

Addeo utilizza abilmente la tecnica della sospensione narrativa e fa procedere la storia attraverso i punti di vista alternati di tutti i protagonisti in una polifonia di testimonianze che vanno dalle pagine diaristiche, al flusso di coscienza, a un procedimento stilistico in cui si privilegia la seconda persona singolare, il tu. Ne nasce un impianto corale che deve il suo tributo al grande romanziere degli umiliati e offesi, Fëdor Dostoevskij, ma attraverso una correzione allucinatoria alla Burroughs. Il destino di questi emarginati, è legato a doppio nodo da un parte alla condizioni sociologiche del nostro tempo barattiere, dall’altro a una fatalità invincibile da tragedia greca. Bogdan, lo zingaro, descrive nella Disco Hell da lui frequentata i nuovi dannati che gli sfilano accanto: “Bogdan fissa quelli che tra non molto diventeranno i nuovi direttori di filiali bancarie e che porranno limiti su limiti alle richieste di trasferimento di mutui, proponendo l’estinzione dei vecchi per l’apertura di nuovi, comportando un’enormità di spese ai danni del disgraziato di turno. (…) E poi i nuovi senatori della Repubblica, quelli che medieranno tra Cosa Nostra  e cavalieri del lavoro divenuti Presidenti del Consiglio a forza di mazzette, fatture false, frodi fiscali, ricatti, vendette trasversali, e che dopo si appelleranno allo scudo parlamentare e quando gli verranno revocati i vitalizi si tireranno un colpo di Beretta DT11 in bocca. La futura crème de la crème che si riunisce in discoteca.”(pp.129-130) 

Ma Bogdan finirà i suoi giorni non per un colpo di pistola in fronte, ma nudo e assiderato, bussando alle porte di un bar sperduto nella campagna rumena. Prima che Atropo, l’inflessibile,  tagli il sottile filo della sua esistenza, lo zingaro fa in tempo a leggere: ”CHIUSI PER CONFINAMENTO”. Il destino è assurdo, come la Legge, come la sua declinazione farsesca e tragica riservata al popolo italiano attraverso i dpcm e i decreti governativi degli ultimi anni. Il romanzo di Roberto Addeo rende conto del fatto inoppugnabile che la distopia è stata inoculata senza remissione nella nostra realtà. Il cane non può più scrollarsi di dosso le pulci che lo stanno infestando. Il camorrista Diego Cesarano è diventato una creatura del Male atemporale dotato di ultra-poteri, un mostro affiliato a una setta, i Figli di Giove, che ha come unico scopo quello di calpestare ogni dignità e di soffocare ogni rigurgito di umanità. Sono i difensori di un ordine mondiale basato sui valori materiali imposti dal profitto. Pare che ci stiamo convincendo che le scelte di chi ci domina siano appunto imperscrutabili e inevitabili e che dal pianeta del potere, questi ricchissimi alieni,  possano manipolare il nostro futuro attraverso un’accelerazione  della “struggle for life”, se non addirittura andando ad incidere sul nostro codice genetico.

Una nota di merito alla bella copertina, grigia e senza immagini, con il titolo in alto a destra e sotto il nome dell’autore, che quasi non si legge.

Paolo Gera

Categories:

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Recensione a Una vita maledetta di Gabriella Guidi
Gabriella Guidi esordisce in libreria con un romanzo forte e passionale, una storia vera che
Recensione a Nuvole Coraggiose di Raffaele Solitario
‘Nuvole coraggiose’ percorrono il cielo tra Ancona, l’Inghilterra, l’India e la Thailandia. Non portano pioggia,
Recensione alla cover di “Murati vivi” di Roberto Addeo
Sul Sole24 di domenica 15 gennaio 2024 recensione top alla cover di Murati Vivi, romanzo
Recensione a “Mi farò punteggiatura” di Nadia Dalle Vedove
Si intitola “Mi farò punteggiatura” (Transeuropa Editore, pag. 54, euro 15) l’ultimo libro di Nadia
Recensione a Un giorno adesso di Oronzo Liuzzi
Il verso lungo quasi narrante intercede per lo sviluppo di un flusso evidenziato nel sostegno
Recensione a L’animale umano di Tommaso Barbanera
Il primo romanzo di Tommaso Barbanera si segnala per una sincerità disarmante – una specie
Recensione a La ricostruzione di Parigi di Paolo Gera
La ricostruzione di Parigi (ai tempi della presente guerra)” è un libro singolare che interseca
Recensione a Un giorno adesso di Oronzo Liuzzi
Corposo poemetto in sessanta paragrafi, o minitesti, delicatamente proposto nella immersione della parola che qui
Recensione a Il passaporto della cicogna bianca
«Ciò che colpisce, leggendo, è l’uso raffinato e scanzonato ad un tempo della lingua italiana
Recensione a Wilhelm Reich libertario
Damiano Mazzotti ricostruisce i passaggi principale del volume che Andrea Pitto dedica al pensatore e
Recensione a Diario degli amori difficili
Un'attenta analisi del libro a quadri di Giacomo Sillari, la cui struttura ricorda al recensore
Recensione a Pasti caldi giù all’ospizio
Il curatore dell'antologia, Roberto Addeo, racconta la nascita e le regioni del progetto in una
Recensione a Sala d’attesa di Sergio D’Amaro
L'autore si sofferma, nella sua analisi critica e interpretativa, sulla sezione Sala d’attesa che rappresenta l’autentica novità
Recensione ad “Amori & disincanti” di Valerio Vigliaturo
Valerio Vigliaturo, Amori & Disincanti, transeuropa, 2020 Valerio Vigliaturo, narratore e cantante jazz, esordisce in poesia
Recensione a Emergenze da fine del mondo
tavola di Lucio Filippucci da Emergenze da fine del mondo – Transeuropa Emergenze da fine
Recensione a Incisioni all’acquaforte di Gregorio Febbo
Personalità a largo spettro artistico, Gregorio Febbo affronta, in questa sua silloge poetica, gli eterni
Recensione a “Limpida a guardare” di Michela Silla
Per ogni sole inertemi fingo linda e assorta;senza fatiche sul petto,né sparatorie di luce. Limpida
Le copertine della collana Transeuropa Lab finiscono in galleria d’arte
Le copertine essenziali, ispirate alla sobrietà di J. D. Salinger, della collana Transeuropa Lab sono
Recensione a “Mercati & mercati” di Antonio Semproni
Ci sono mercati di frutta, verdura e formaggi e mercati di blue chips, bond e bitcoin mercati
La seduzione del falso. Intervista a Emiliano Ventura
di Claudio O. Menafra Senti, Filocle, mi sai dire qual è mai la molla che scatena
Recensione a “La calligrafia come arte della guerra” di Andrea Tarabbia
Quando la luce fa paura. “La calligrafia come arte della guerra” di Andrea Tarabbia di Francesca
Recensione a “Lucida tela” di Valerio Cuccaroni
a cura di Lorenzo Favaper Lucida tela (Transeuropa, 2022)fotografia di Dino Ignani Se dovessi scegliere un verso che facesse
Recensione a “Senza titoli. Sovversi” di Mirko Boncaldo
con le punta di dita, rorida come brina sulle sgretolate screpolature vieni e sobilli atavici
Recensione a “Tempo 4/4” di Piero Toto
Nota di Luca Cenacchi «cosa sono io per te?» – Esistenzialismo interazionale e discoteca in tempo