Recensione a “La calligrafia come arte della guerra” di Andrea Tarabbia

Transeuropa Edizioni Recensione Recensione a “La calligrafia come arte della guerra” di Andrea Tarabbia
0 Comments

Quando la luce fa paura. “La calligrafia come arte della guerra” di Andrea Tarabbia

di Francesca Scuccia

«A quanto possiamo discernere, l’unico scopo dell’esistenza umana è di accendere una luce nell’oscurità del mero essere». Così scriveva Carl Gustav Jung sul finire dell’Ottocento. 

Sugli stessi presupposti, Andrea Tarabbia dà vita al suo romanzo d’esordio, La calligrafia come arte della guerra, dove la luce diventa al contempo un sogno ambito e qualcosa da cui proteggersi.

Magister Horatio rappresenta l’occhio e l’orecchio che colgono e raccontano una vicenda che si muove al confine tra la realtà e la fantasia. Sebbene l’ambientazione e il tempo storico in cui è immerso l’intreccio non siano mai resi espliciti, si ha ugualmente la sensazione di conoscere perfettamente lo sfondo degli avvenimenti narrati. Se questo accade è perché la guerra ha dei tratti che, nel corso del tempo, restano immutati: la disperazione, la paura, lo spirito di sopravvivenza, l’amore per i propri compagni, l’odio e la sofferenza sono le costanti di chi non ha alcuna colpa, se non quella di essere nato nel Paese sbagliato

Horatio è un uomo di mezza età che trova occupazione presso un istituto dove sia i docenti che le allieve sono obbligati a vivere. A queste ultime, orfane di guerra di età compresa tra i sei e i sedici anni, viene insegnata l’arte della calligrafia. Interpretare i codici inviati dagli Stati nemici è essenziale, e a occuparsene sono proprio i docenti; rispondergli in modo impeccabile non è da meno, ed è compito delle ragazze. 

A questo proposito, nella parte iniziale del romanzo, vengono descritti meticolosamente i segreti dei codici con i quali è possibile comunicare e i modi in cui le allieve vengono formate, dalla teoria alla pratica. Una particolarità dell’istituto, però, è quella di non far trapelare nessuna notizia di guerra, né tramite radio, giornali o altri media, né attraverso altre forme di comunicazione verbale. 

Nonostante il silenzio, la minaccia di una guerra imminente è sempre più vicina; molti dei protagonisti di questa storia lo sanno, altri lo avevano già previsto da tempo. 

Il punto di svolta è rappresentato da un’allieva di nome Hina, che un giorno rivela a Magister Horatio una strana scoperta: dietro uno scaffale si trova una piccola porta nascosta che conduce a una città sotterranea. È buia, fredda e umida, ma le sue strade ripercorrono fedelmente ogni via della città soprastante, di cui sta per rimanere ben poco.

Proprio questo luogo recondito diverrà il rifugio delle ragazze e dei docenti dopo un violento attentato. L’esplosione, repentina e violenta, giungerà per certi versi inaspettata. Alcuni degli abitanti della città “di sopra” riusciranno a fuggire in tempo nella città segreta, altri invece pagheranno con la vita l’escalation della guerra. 

Comincia così la seconda parte del romanzo, la vita dopo la caduta. Nella città sotterranea comincerà a prendere forma una vera e propria civiltà, plasmata su quella che ha vissuto in superficie, dove ogni cosa vitale, dal cibo alle medicine, è razionato per assicurare la sopravvivenza di tutti. Nessuno sa ancora cosa stia accadendo di sopra: i soldati nemici hanno invaso la città? Case e negozi sono stati distrutti? Ci sono ancora superstiti? 

Le domande affollano i pensieri di ciascuno, soprattutto di chi spera che parte della sua famiglia sia ancora viva e al sicuro.

In questo turbine di emozioni negative, di disperazione e di dolore, nella città sotterranea la dittatura prende il sopravvento: a ognuno viene assegnato un compito e vengono redatte delle precise regole comportamentali. 

Quella città che sembrava rappresentare la salvezza, allora, si trasforma in una tomba da cui i nuovi abitanti tenteranno in ogni modo di fuggire. Nel frattempo, però, scopriranno qualcosa di tremendo, ma che tornerà loro incredibilmente utile…

La calligrafia come arte della guerra ricrea uno scenario distante dalla nostra quotidianità ma che, allo stesso tempo, fa comunque parte della nostra realtà. Uno scenario di cui sentiamo parlare ogni giorno, nostro malgrado, nei telegiornali: la guerra, in tutte le sue forme e modalità, e il mondo descritto da Tarabbia ha difatti molti tratti in comune con la società odierna

Lo vediamo, ad esempio, nel modo in cui vengono formulati i messaggi propagandistici, anche impliciti, al di fuori dell’istituto: i titoli dei giornali, i brevi discorsi di cinque attori porno prima dell’amplesso, i libri mandati in pubblicazione. Ognuno di questi con l’unico scopo di esplicare la situazione di guerra in cui ci si trova e i possibili risvolti.

Come un tuono arriva invece la condotta del silenzio: non sapere nulla, o molto poco, per non creare allarmismi; continuare a vivere come se nulla stia accadendo, nonostante i “grandi” sappiano perfettamente tutto.

Tarabbia, attraverso gli occhi di Magister, riesce a tratteggiare il quadro esatto del campo di battaglia nel momento in cui il frastuono lascia spazio alla desolazione e a un silenzio assordante. Il momento in cui i rumori dei missili e dei cannoni cessano ma la guerra permane, imponendo le sue ragioni dopo la distruzione. Uno sguardo delicato e umano si posa su quei superstiti: non semplici numeri da salvare, ma vite stremate che cercano di sopravvivere rifugiandosi nei propri sentimenti. Ci mostra l’altra faccia della medaglia, quella rappresentata dalle vittime e non dai generali che annunciano un attentato o una disfatta, così da non dimenticare che ogni uomo ha un nome e una storia alle spalle.

La povera gente, dunque, diventa fulcro assoluto di questo romanzo dal sapore distopico.

Protagonista della propria vita e di quella degli altri, la voce narrante ritrova dentro di sé quello spirito di altruismoproprio della natura umana, che non vuole chiudersi nel risentimento e nel dolore. Riscopre la forza di rinunciare alla propria razione di pane a favore di chi ne ha più bisogno; di usare le medicine sui corpi ammorbati di chi non se lo merita; di dimenticare ogni vizio o svago, accontentandosi di una sigaretta al giorno e delle risate dei bambini che calciano un pallone mezzo sgonfio.

È la vita, quella Tarabbia ci descrive; una dimensione reale in cui rialzarsi con le proprie forze è più difficile che premere un grilletto o lanciare un missile; un luogo in cui i sentimenti e le emozioni pesano più di un carro armato e fanno molto più rumore. È la vita che rifiorisce, che non smette mai di lottare. 

Sul finale, il distopico lascia spazio alla realtà, perché la guerra non è una fiaba e non fa sconti a nessuno. È difficile mantenere una voce quando il proprio nome finisce nell’oblio; è arduo osservare le scintille negli occhi dei superstiti, quando devono coprire il viso per versare in silenzio le loro lacrime; è dura non morire dentro, quando si è costretti a nascondersi per poter godere del diritto, inderogabile e inviolabile, alla vita.

Questo è il piccolo universo dove questo autore ci accompagna con delicatezza e discrezione, riuscendo a trattare un argomento così cinico e rude in modo emotivo e coinvolgente. 
Andrea Tarabbia, ad oggi, conta più di tredici pubblicazioni tra saggi e romanzi. Ha vinto il premio Campiello nel 2019 per il suo romanzo più famoso: Madrigale senza suono, edito da Bollati Boringhieri. Il suo ultimo lavoro, Il continente bianco, è stato pubblicato con lo stesso editore nel 2022.

Categories:

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Recensione a “Il sentimento non dicibile dell’oggi” di Francesco Scapecchi
Tu, se sai dire, dillo, dillo a qualcuno Alcuni anni fa Gianluigi Simonetti, parlando dell’uscita
Recensione a L’Apocalisse della Sfinge di Francesco Tigani
Francesco Tigani è ricercatore attento e scrupoloso, oltre ad aver dato prova di essere un
Recensione a Visioni di Riccardo Bizzarri
Osservatorio Poetico di Sonia Caporossi | Riccardo Bizzarri Ciclo sulla madre dopo “L’uomo e i
Recensione a “Quando abbiamo smesso di pensare” di Davide Miccione
LA FINE DELLE IDEOLOGIE (DEGLI ALTRI) Marta Mancini 18-04-2024 La nostra epoca non è certo
Recensione a Il sommo revival di Gabriele Galligani
Edito da Transeuropa, «Il sommo revival. La società dello spettacolo nei romanzi di Pier Vittorio
Recensione a Il fosso di Edoardo Piazza
«Le parole non colgono il significato segreto, tutto appare un po’ diverso quando lo si
Recensione a Sinfonia di un bosco in rivolta di Paola Massoni
La scrittrice, compositrice e musicista Paola Massoni presenta Sinfonia di un bosco in rivolta, una
Recensione a Minime di Gabriele Berardi (con intervista)
Sofferenza, inquietudine, malinconia, rimpianto e speranza sono le sensazioni e gli stati d’animo che caratterizzano
Recensione a Sinfonia di un bosco in rivolta di Paola Massoni
Che poi qualcuno potrebbe dire che il titolo, Sinfonia di un bosco in rivolta, è
Recensione a Una vita maledetta di Gabriella Guidi
Gabriella Guidi esordisce in libreria con un romanzo forte e passionale, una storia vera che
Recensione a Nuvole Coraggiose di Raffaele Solitario
‘Nuvole coraggiose’ percorrono il cielo tra Ancona, l’Inghilterra, l’India e la Thailandia. Non portano pioggia,
Recensione alla cover di “Murati vivi” di Roberto Addeo
Sul Sole24 di domenica 15 gennaio 2024 recensione top alla cover di Murati Vivi, romanzo
Recensione a “Mi farò punteggiatura” di Nadia Dalle Vedove
Si intitola “Mi farò punteggiatura” (Transeuropa Editore, pag. 54, euro 15) l’ultimo libro di Nadia
Recensione a Un giorno adesso di Oronzo Liuzzi
Il verso lungo quasi narrante intercede per lo sviluppo di un flusso evidenziato nel sostegno
Recensione a L’animale umano di Tommaso Barbanera
Il primo romanzo di Tommaso Barbanera si segnala per una sincerità disarmante – una specie
Recensione a La ricostruzione di Parigi di Paolo Gera
La ricostruzione di Parigi (ai tempi della presente guerra)” è un libro singolare che interseca
Recensione a Un giorno adesso di Oronzo Liuzzi
Corposo poemetto in sessanta paragrafi, o minitesti, delicatamente proposto nella immersione della parola che qui
Recensione a Il passaporto della cicogna bianca
«Ciò che colpisce, leggendo, è l’uso raffinato e scanzonato ad un tempo della lingua italiana
Recensione a Wilhelm Reich libertario
Damiano Mazzotti ricostruisce i passaggi principale del volume che Andrea Pitto dedica al pensatore e
Recensione a Diario degli amori difficili
Un'attenta analisi del libro a quadri di Giacomo Sillari, la cui struttura ricorda al recensore
Recensione a Pasti caldi giù all’ospizio
Il curatore dell'antologia, Roberto Addeo, racconta la nascita e le regioni del progetto in una
Recensione a Sala d’attesa di Sergio D’Amaro
L'autore si sofferma, nella sua analisi critica e interpretativa, sulla sezione Sala d’attesa che rappresenta l’autentica novità
Recensione ad “Amori & disincanti” di Valerio Vigliaturo
Valerio Vigliaturo, Amori & Disincanti, transeuropa, 2020 Valerio Vigliaturo, narratore e cantante jazz, esordisce in poesia
Recensione a Emergenze da fine del mondo
tavola di Lucio Filippucci da Emergenze da fine del mondo – Transeuropa Emergenze da fine
Recensione a Incisioni all’acquaforte di Gregorio Febbo
Personalità a largo spettro artistico, Gregorio Febbo affronta, in questa sua silloge poetica, gli eterni
Recensione a “Limpida a guardare” di Michela Silla
Per ogni sole inertemi fingo linda e assorta;senza fatiche sul petto,né sparatorie di luce. Limpida
Le copertine della collana Transeuropa Lab finiscono in galleria d’arte
Le copertine essenziali, ispirate alla sobrietà di J. D. Salinger, della collana Transeuropa Lab sono
Recensione a “Mercati & mercati” di Antonio Semproni
Ci sono mercati di frutta, verdura e formaggi e mercati di blue chips, bond e bitcoin mercati
La seduzione del falso. Intervista a Emiliano Ventura
di Claudio O. Menafra Senti, Filocle, mi sai dire qual è mai la molla che scatena
Recensione a “Lucida tela” di Valerio Cuccaroni
a cura di Lorenzo Favaper Lucida tela (Transeuropa, 2022)fotografia di Dino Ignani Se dovessi scegliere un verso che facesse
Recensione a “Senza titoli. Sovversi” di Mirko Boncaldo
con le punta di dita, rorida come brina sulle sgretolate screpolature vieni e sobilli atavici
Recensione a “Tempo 4/4” di Piero Toto
Nota di Luca Cenacchi «cosa sono io per te?» – Esistenzialismo interazionale e discoteca in tempo
Recensione “Murati vivi” di Roberto Addeo
Nel romanzo “Murati vivi” di Roberto Addeo, il lockdown del 2020 è un fatto marginale,