Recensione a “Mi farò punteggiatura” di Nadia Dalle Vedove

Transeuropa Edizioni Uncategorized Recensione a “Mi farò punteggiatura” di Nadia Dalle Vedove
0 Comments

Si intitola “Mi farò punteggiatura” (Transeuropa Editore, pag. 54, euro 15) l’ultimo libro di Nadia Dalle Vedove, nata a Como ma ormai recidente da molti anni a Trieste. La silloge poetica verrà presentata giovedì alla Libreria Minerva alle 18. Dalle Vedove ha già diversi titoli all’attivo ma in questo caso si tratta di una vera e propria antologica. Il volume raccoglie infatti poesie dal 1992 al 2023. Il titolo tratteggia una metafora chiara, perché un farsi punteggiatura significa anche seguire il ritmo delle parole, i sospiri, le pause e i motori di ciò che va a ideare la scrittura creativa. Ma potrebbe anche nascondere altri simboli, per esempio il fatto di restituire allo scritto una sorta di “punteggiatura identitaria”.
Non pochi i versi in cn l’autrice si rivolge a un fantomatico tu che probabilmente traduce anche i consueto “tu montaliano” (ovvero il riflesso dello stesso autore), ma i temi sviluppati ci portano in molteplici percorsi di interfaccia. Per la stessa ammissione della scrittrice, le poesie raccolte sono il frutto di opere per lo più tardo-adolescenziali, e infatti i componimenti non nascondono una chiara matrice vocata a stati d’animo “assoluti”. Il confronto è quello con se stessi e con gli altri, talvolta sfruttando anche metafore e analogie animali (gli insetti, gli uccelli…) dove l’umano si distingue proprio per la mancanza d’istinto o per la sua progressiva perdita. Altre volte è il paesaggio o i fenomeni naturali (soprattutto la pioggia) a prendere il sopravvento e ad amalgamarsi con il corpo nei suoi aspetti più sensuali: “scavo le tue mani/perché possano/ allora/riempirsi/ del mio piovere su di te” scrive Dalle Vedove. L’amore ha sempre un tratto adolescenziale, appunto, tende all’assoluto. Ma è difficile individuare l’oggetto d’amore. Potrebbe essere un compagno, un figlio o la parola stessa. Siamo sempre tuttavia nella sopravvalutazione passionale perché “Se la luce infila l’infinito” è anche vero che “i corpi bruciano”. Più spesso il corpo è anche quello della parola, per cui sopraggiunge il “piegarsi” e come una “strofa” o “il dire di te tra assenti rime”. O il fatto che lo “sguardo” è per eccellenza quello di chi il mondo lo inventa, dell’artista insomma, mentre spesso viviamo in mezzo a un’inconsapevolezza collettiva in cui difficilmente l’uomo “si accorge dell’uomo”. C’è solitudine ma c’è anche leggerezza, come un scivolare sopra la memoria e il passato. Un’inquietudine che si protrae per tutto il testo, aperto al sentire e alla vita, ma anche non dimentico di un nichilismo inevitabile, lì dove c’è una sola certezza: “il solitario accadere”. Sopra ogni cosa trionfa il desiderio, vocato alla sua unica possibilità, ovvero muoversi tra presenza e assenza in un circuito dinamico che insegue ombre.

Articolo uscito il 28 novembre su “Il Piccolo” di Trieste e firmato dalla giornalista, scrittrice e poetessa Mary Barbara Tolusso.

Categories:

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Intervista di Repubblica a Silvia Rivolta per Vite attese
“Vite attese”, il romanzo di Silvia Rivolta che indaga il legame tra genitori e figli
Recensione a Il quindicesimo compleanno di Rosaura Galbiati
“Il libro di Rosaura Galbiati, Il quindicesimo compleanno, Transeuropa, Massa 2023, non è facile da
Recensione a “Il sentimento non dicibile dell’oggi” di Francesco Scapecchi
Tu, se sai dire, dillo, dillo a qualcuno Alcuni anni fa Gianluigi Simonetti, parlando dell’uscita
Recensione a L’Apocalisse della Sfinge di Francesco Tigani
Francesco Tigani è ricercatore attento e scrupoloso, oltre ad aver dato prova di essere un
Recensione a Visioni di Riccardo Bizzarri
Osservatorio Poetico di Sonia Caporossi | Riccardo Bizzarri Ciclo sulla madre dopo “L’uomo e i
Recensione a “Quando abbiamo smesso di pensare” di Davide Miccione
LA FINE DELLE IDEOLOGIE (DEGLI ALTRI) Marta Mancini 18-04-2024 La nostra epoca non è certo
Recensione a Il sommo revival di Gabriele Galligani
Edito da Transeuropa, «Il sommo revival. La società dello spettacolo nei romanzi di Pier Vittorio
Recensione a Il fosso di Edoardo Piazza
«Le parole non colgono il significato segreto, tutto appare un po’ diverso quando lo si
Recensione a Sinfonia di un bosco in rivolta di Paola Massoni
La scrittrice, compositrice e musicista Paola Massoni presenta Sinfonia di un bosco in rivolta, una
Recensione a Minime di Gabriele Berardi (con intervista)
Sofferenza, inquietudine, malinconia, rimpianto e speranza sono le sensazioni e gli stati d’animo che caratterizzano
Recensione a Sinfonia di un bosco in rivolta di Paola Massoni
Che poi qualcuno potrebbe dire che il titolo, Sinfonia di un bosco in rivolta, è
Recensione a Una vita maledetta di Gabriella Guidi
Gabriella Guidi esordisce in libreria con un romanzo forte e passionale, una storia vera che
Recensione a Nuvole Coraggiose di Raffaele Solitario
‘Nuvole coraggiose’ percorrono il cielo tra Ancona, l’Inghilterra, l’India e la Thailandia. Non portano pioggia,
Recensione alla cover di “Murati vivi” di Roberto Addeo
Sul Sole24 di domenica 15 gennaio 2024 recensione top alla cover di Murati Vivi, romanzo
Recensione a Un giorno adesso di Oronzo Liuzzi
Il verso lungo quasi narrante intercede per lo sviluppo di un flusso evidenziato nel sostegno
Recensione a L’animale umano di Tommaso Barbanera
Il primo romanzo di Tommaso Barbanera si segnala per una sincerità disarmante – una specie
Recensione a La ricostruzione di Parigi di Paolo Gera
La ricostruzione di Parigi (ai tempi della presente guerra)” è un libro singolare che interseca
Recensione a Un giorno adesso di Oronzo Liuzzi
Corposo poemetto in sessanta paragrafi, o minitesti, delicatamente proposto nella immersione della parola che qui
Recensione a Il passaporto della cicogna bianca
«Ciò che colpisce, leggendo, è l’uso raffinato e scanzonato ad un tempo della lingua italiana
Recensione a Wilhelm Reich libertario
Damiano Mazzotti ricostruisce i passaggi principale del volume che Andrea Pitto dedica al pensatore e
Recensione a Diario degli amori difficili
Un'attenta analisi del libro a quadri di Giacomo Sillari, la cui struttura ricorda al recensore
Recensione a Pasti caldi giù all’ospizio
Il curatore dell'antologia, Roberto Addeo, racconta la nascita e le regioni del progetto in una
Recensione a Sala d’attesa di Sergio D’Amaro
L'autore si sofferma, nella sua analisi critica e interpretativa, sulla sezione Sala d’attesa che rappresenta l’autentica novità
Recensione ad “Amori & disincanti” di Valerio Vigliaturo
Valerio Vigliaturo, Amori & Disincanti, transeuropa, 2020 Valerio Vigliaturo, narratore e cantante jazz, esordisce in poesia
Recensione a Emergenze da fine del mondo
tavola di Lucio Filippucci da Emergenze da fine del mondo – Transeuropa Emergenze da fine
Recensione a Incisioni all’acquaforte di Gregorio Febbo
Personalità a largo spettro artistico, Gregorio Febbo affronta, in questa sua silloge poetica, gli eterni
Recensione a “Limpida a guardare” di Michela Silla
Per ogni sole inertemi fingo linda e assorta;senza fatiche sul petto,né sparatorie di luce. Limpida
Le copertine della collana Transeuropa Lab finiscono in galleria d’arte
Le copertine essenziali, ispirate alla sobrietà di J. D. Salinger, della collana Transeuropa Lab sono
Recensione a “Mercati & mercati” di Antonio Semproni
Ci sono mercati di frutta, verdura e formaggi e mercati di blue chips, bond e bitcoin mercati
La seduzione del falso. Intervista a Emiliano Ventura
di Claudio O. Menafra Senti, Filocle, mi sai dire qual è mai la molla che scatena
Recensione a “La calligrafia come arte della guerra” di Andrea Tarabbia
Quando la luce fa paura. “La calligrafia come arte della guerra” di Andrea Tarabbia di Francesca
Recensione a “Lucida tela” di Valerio Cuccaroni
a cura di Lorenzo Favaper Lucida tela (Transeuropa, 2022)fotografia di Dino Ignani Se dovessi scegliere un verso che facesse
Recensione a “Senza titoli. Sovversi” di Mirko Boncaldo
con le punta di dita, rorida come brina sulle sgretolate screpolature vieni e sobilli atavici
Recensione a “Tempo 4/4” di Piero Toto
Nota di Luca Cenacchi «cosa sono io per te?» – Esistenzialismo interazionale e discoteca in tempo
Recensione “Murati vivi” di Roberto Addeo
Nel romanzo “Murati vivi” di Roberto Addeo, il lockdown del 2020 è un fatto marginale,