Recensione a L’Apocalisse della Sfinge di Francesco Tigani

Transeuropa Edizioni Recensione Recensione a L’Apocalisse della Sfinge di Francesco Tigani
0 Comments

Francesco Tigani è ricercatore attento e scrupoloso, oltre ad aver dato prova di essere un raffinato poeta, non immune da suggestioni mitomoderniste, è direttore di una collana di studi filosofici e letterari, “Bustrofedica”, per i tipi di Aracne. Già autore di una prosa filosofica di assoluto spessore teorico come L’oscuro argonauta (2022), torna in questi giorni a presentare uno scritto di filosofia, si tratta de L’apocalisse della sfinge (Transeuropa editore).

Il sottotitolo riporta “Tre corsi sulla filosofia antica”, una spia semantica che lascia pensare a un testo accademico o scolastico, un’impressione confutata fin dal primo approccio; il testo risulta essere un percorso all’interno della filosofia antica diviso in tre sezioni, (l’archeologia del vero, la fondazione del tempo, il gioco delle parti) nelle quali Tigani ordina autori e tematiche che hanno definito l’identità europea. Raggiunto telefonicamente, l’autore, racconta:

«Avevo una gran quantità di lavoro preparatorio fatto per le mie lezioni di filosofia, una volta ordinato sistematicamente si avvicinava ad essere uno studio monografico sulla filosofia antica. Dopo un po’ di tempo e di lavoro, l’ho portato a compimento nella forma attuale che puoi leggere».

Non ho alcuna intenzione di passare in rassegna le varie sezioni, ma tengo a mettere in risalto alcuni punti della filosofia che Tigani consegna a un pubblico specialistico e non.

Il primo aspetto da sottolineare è l’aver ricondotto la parola filosofia al suo specifico ambito, che è e rimane «uno strumento di conoscenza dell’uomo». Tigani precisa che questa parola oggi è abusata, ma soprattutto è usata a sproposito; per ogni ambito e materia c’è infatti ‘una filosofia’, per la cucina, per la casa, lo sport e via dicendo. Il suo ruolo e funzione vengono continuamente banalizzati e confusi con lo stile, se e quando esiste uno stile, o con una sorta di buon senso, di buoni consigli per il vivere.

La filosofia è invece un metodo rigoroso, ma non esatto, di conoscenza dei fenomeni naturali e non (metafisica), in alcuni casi è anche stata una prassi di vita con una rigida regolamentazione in cui lo studio e la presenza di una maestro erano fondamentali.

Sono evidenti nell’autore le influenze di pensatori come Michel Foucault e Friedrich Nietzsche, ne sono presenti tracce un po’ in tutto il testo, nei vari termini e tematiche che rendono facilmente evidenti chi siano gli autori di riferimento.

L’aver messo in relazione l’origine comune della filosofia con la medicina, ad esempio, riconducibile al concetto del farmaco (pharmakon), che come si sa in greco può significare sia «rimedio» che «veleno».  Così Tigani ci ricorda il testo J. Derrida La farmacia di Platone, in cui il filosofo francese segue l’evoluzione e la presenza del farmaco nei dialoghi platonici, in particolare nella figura di Socrate.

Allo stesso modo ci presenta l’etica epicurea con la nozione del «tetrafarmaco», in cui Epicuro «prescrive una cura mirata, basata su altrettanti antidoti (pharmaka): una medicina plurivalente chiamata “tetrafarmaco” che consiste nella consapevolezza che l’uomo disponga autonomamente dei rimedi necessari per guarire».

Filosofia come «cura dell’anima» quindi, e qui il ruolo di Socrate è fondante, con la sua maieutica, quella capacità di far nascere discorsi che con il dialogo possono avvicinarsi al vero; l’anima che è la parte nobile dell’uomo di cui è bene prendersi cura perché immortale, non finita e mortale come il corpo. Da qui la grande creazione platonica del mondo delle idee, l’ultraterreno, l’immutabile, che è il «rimedio» contro l’angoscia e la paura del divenire e del mutevole.

È questa l’impostazione di Emanuele Severino, ad esempio, che riconduce proprio la filosofia al ruolo di rimedio contro lo spaventevole divenire delle cose, secondo Aristotele infatti le essenze sono «ciò che è sempre salvo»  (Metafisica). Questa grande costruzione intellettuale del mondo delle idee, del demiurgo creatore e del percorso delle anime, verrà assunta poi, in modi diversi e tempi assai lunghi, nel cristianesimo con la sua visione del mondo, sia terrestre che celeste, per dirla con Mario Luzi.

Ed è proprio contro questo mondo irreale e ultraterreno che Nietzsche scaglierà il suo martello, arrivando a dire che il «rimedio è stato peggiore del male», dove per «rimedio» intende proprio la Metafisica intesa come l’ultraterreno, il trascendente, che egli considera falso e bugiardo.

La grande tradizione Occidentale dell’epistème, come «ciò che sta fermo», che posso arrivare a comprendere è dovuta a Eschilo, un poeta tragico, ma anche filosofo, secondo cui l’episteme è condizione di felicità per l’uomo.

Altri nomi si prenderanno la briga di confutare un tale assunto, ma non rientra nello spettro temporale dell’Apocalisse della sfinge di cui Tigani è un sapiente nocchiero.

Buona lettura.

Articolo di Emiliano Ventura su Today del 19.04.2024

L’apocalisse della sfinge
Francesco Tigani
Transeuropa Edizioni
ISBN: 9791259901637
pp. 176 – 18,00 €

Categories:

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Recensione a “Il sentimento non dicibile dell’oggi” di Francesco Scapecchi
Tu, se sai dire, dillo, dillo a qualcuno Alcuni anni fa Gianluigi Simonetti, parlando dell’uscita
Recensione a Visioni di Riccardo Bizzarri
Osservatorio Poetico di Sonia Caporossi | Riccardo Bizzarri Ciclo sulla madre dopo “L’uomo e i
Recensione a “Quando abbiamo smesso di pensare” di Davide Miccione
LA FINE DELLE IDEOLOGIE (DEGLI ALTRI) Marta Mancini 18-04-2024 La nostra epoca non è certo
Recensione a Il sommo revival di Gabriele Galligani
Edito da Transeuropa, «Il sommo revival. La società dello spettacolo nei romanzi di Pier Vittorio
Recensione a Il fosso di Edoardo Piazza
«Le parole non colgono il significato segreto, tutto appare un po’ diverso quando lo si
Recensione a Sinfonia di un bosco in rivolta di Paola Massoni
La scrittrice, compositrice e musicista Paola Massoni presenta Sinfonia di un bosco in rivolta, una
Recensione a Minime di Gabriele Berardi (con intervista)
Sofferenza, inquietudine, malinconia, rimpianto e speranza sono le sensazioni e gli stati d’animo che caratterizzano
Recensione a Sinfonia di un bosco in rivolta di Paola Massoni
Che poi qualcuno potrebbe dire che il titolo, Sinfonia di un bosco in rivolta, è
Recensione a Una vita maledetta di Gabriella Guidi
Gabriella Guidi esordisce in libreria con un romanzo forte e passionale, una storia vera che
Recensione a Nuvole Coraggiose di Raffaele Solitario
‘Nuvole coraggiose’ percorrono il cielo tra Ancona, l’Inghilterra, l’India e la Thailandia. Non portano pioggia,
Recensione alla cover di “Murati vivi” di Roberto Addeo
Sul Sole24 di domenica 15 gennaio 2024 recensione top alla cover di Murati Vivi, romanzo
Recensione a “Mi farò punteggiatura” di Nadia Dalle Vedove
Si intitola “Mi farò punteggiatura” (Transeuropa Editore, pag. 54, euro 15) l’ultimo libro di Nadia
Recensione a Un giorno adesso di Oronzo Liuzzi
Il verso lungo quasi narrante intercede per lo sviluppo di un flusso evidenziato nel sostegno
Recensione a L’animale umano di Tommaso Barbanera
Il primo romanzo di Tommaso Barbanera si segnala per una sincerità disarmante – una specie
Recensione a La ricostruzione di Parigi di Paolo Gera
La ricostruzione di Parigi (ai tempi della presente guerra)” è un libro singolare che interseca
Recensione a Un giorno adesso di Oronzo Liuzzi
Corposo poemetto in sessanta paragrafi, o minitesti, delicatamente proposto nella immersione della parola che qui
Recensione a Il passaporto della cicogna bianca
«Ciò che colpisce, leggendo, è l’uso raffinato e scanzonato ad un tempo della lingua italiana
Recensione a Wilhelm Reich libertario
Damiano Mazzotti ricostruisce i passaggi principale del volume che Andrea Pitto dedica al pensatore e
Recensione a Diario degli amori difficili
Un'attenta analisi del libro a quadri di Giacomo Sillari, la cui struttura ricorda al recensore
Recensione a Pasti caldi giù all’ospizio
Il curatore dell'antologia, Roberto Addeo, racconta la nascita e le regioni del progetto in una
Recensione a Sala d’attesa di Sergio D’Amaro
L'autore si sofferma, nella sua analisi critica e interpretativa, sulla sezione Sala d’attesa che rappresenta l’autentica novità
Recensione ad “Amori & disincanti” di Valerio Vigliaturo
Valerio Vigliaturo, Amori & Disincanti, transeuropa, 2020 Valerio Vigliaturo, narratore e cantante jazz, esordisce in poesia
Recensione a Emergenze da fine del mondo
tavola di Lucio Filippucci da Emergenze da fine del mondo – Transeuropa Emergenze da fine
Recensione a Incisioni all’acquaforte di Gregorio Febbo
Personalità a largo spettro artistico, Gregorio Febbo affronta, in questa sua silloge poetica, gli eterni
Recensione a “Limpida a guardare” di Michela Silla
Per ogni sole inertemi fingo linda e assorta;senza fatiche sul petto,né sparatorie di luce. Limpida
Le copertine della collana Transeuropa Lab finiscono in galleria d’arte
Le copertine essenziali, ispirate alla sobrietà di J. D. Salinger, della collana Transeuropa Lab sono
Recensione a “Mercati & mercati” di Antonio Semproni
Ci sono mercati di frutta, verdura e formaggi e mercati di blue chips, bond e bitcoin mercati
La seduzione del falso. Intervista a Emiliano Ventura
di Claudio O. Menafra Senti, Filocle, mi sai dire qual è mai la molla che scatena
Recensione a “La calligrafia come arte della guerra” di Andrea Tarabbia
Quando la luce fa paura. “La calligrafia come arte della guerra” di Andrea Tarabbia di Francesca
Recensione a “Lucida tela” di Valerio Cuccaroni
a cura di Lorenzo Favaper Lucida tela (Transeuropa, 2022)fotografia di Dino Ignani Se dovessi scegliere un verso che facesse
Recensione a “Senza titoli. Sovversi” di Mirko Boncaldo
con le punta di dita, rorida come brina sulle sgretolate screpolature vieni e sobilli atavici
Recensione a “Tempo 4/4” di Piero Toto
Nota di Luca Cenacchi «cosa sono io per te?» – Esistenzialismo interazionale e discoteca in tempo
Recensione “Murati vivi” di Roberto Addeo
Nel romanzo “Murati vivi” di Roberto Addeo, il lockdown del 2020 è un fatto marginale,